Le 10 cose da sapere sul voucher per la digitalizzazione delle PMI

Voucher per la digitalizzazione delle imprese

Le 10 cose da sapere sul voucher per la digitalizzazione delle PMI

Questo bando è stato chiuso alle ore 17 del 12 febbraio 2018!

Se hai letto il nostro blog post precedente sul Voucher per la digitalizzazione per le PMI, conoscerai già, a grandi linee,  le principali caratteristiche del nuovo contributo del Ministero dello Sviluppo Economico a sostegno dei processi di digitalizzazione delle PMI italiane.

Il voucher, come fa intuire il nome, si configura, in un contributo a fondo perduto, fino ad un massimo di €10.000 che le imprese possono prenotare a partire dal 15 Gennaio 2018.

Ma vediamo insieme le 10 cose che devi sapere se vuoi partecipare e richiedere questo interessante contributo a fondo perduto per la tua impresa.

1. Per chi?

Il voucher per la digitalizzazione può essere richiesto da micro, piccole e medie imprese, costituite in qualsiasi forma giuridica e con qualsiasi regime contabile. L’importante è che risultino iscritte nel Registro delle Imprese.

2. I liberi professionisti possono richiedere il voucher per la digitalizzazione?

I liberi professionisti, come avvocati, architetti, commercialisti o titolari di partita IVA, possono accedere alle agevolazioni solo ed esclusivamente se iscritti al Registro delle imprese. Questo significa che la sola iscrizione ad un albo professionale non è sufficiente per richiedere l’agevolazione, ma l’attività deve essere svolta in forma di impresa.

Le associazioni o gli enti posso richiedere il voucher?

Purtroppo no! Le associazioni o gli enti non possono richiedere il Voucher, anche se registrate presso il REA della Camera di Commercio di competenza.

3. Quali progetti è possibile spesare con il voucher per la digitalizzazione?

Con il voucher per la digitalizzazione potrai spesare l’acquisto di software, hardware e consulenze che consentano all’impresa di:

  • migliorare l’efficienza aziendale;
  • modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

4. E’ possibile spesare canoni di Saas?

Purtroppo no! Non potrai spesare i canoni di un Saas (Software as a Service) ma solo l’acquisto di licenze software.

Secondo le FAQ 2.4 e 2.5 del MiSE, le spese per i canoni relativi a servizi informatici, sono escluse.

“Sono ammissibili i costi sostenuti per l’acquisto a tempo determinato di licenze d’uso dei software, a condizione che gli stessi risultino iscrivibili in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali dell’impresa beneficiaria.”

La condizione a cui si fa riferimento, dovrebbe essere che la durata della licenza sia di almeno 3 anni. Puoi chiedere conferma al tuo commercialista.

5.  E’ possibile richiedere più di un voucher?

No, ogni azienda può fare richiesta per un singolo voucher che copre il 50% delle spese presentate per un importo non superiore ai €10.000.

6. E’ possibile richiedere il voucher su spese già sostenute?

No, se hai già sostenuto le spese e ricevuto fattura non potrai beneficiare del voucher. Gli acquisti di beni o servizi dovranno essere effettuati tassativamente solo dopo la la prenotazione del voucher.

7. Entro quanto deve essere concluso il progetto?

Il progetto che presenterai dovrà essere completato entro 6 mesi dall’ammissione del progetto all’agevolazione. 

8. A partire da che data è possibile prenotare il voucher?

E’ possibile inviare la propria domanda per la richiesta del Voucher utilizzando la piattaforma del Ministero dello Sviluppo Economico a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018, e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018.

La domanda può essere pre-caricata sulla piattaforma dal 15 al 30 gennaio. A fine procedura il MiSE assocerà un codice alla tua domanda di partecipazione, che potrai riutilizzare dopo il 30 gennaio per inviare la domanda.

9. Si tratterà di un click day?

No, non si tratta di un click day! Il Ministero considererà come ricevute nello stesso momento tutte le domande. A disposizione delle imprese italiane ci sono € 100 Milioni suddivisi su base regionale.

10. Per partecipare al Voucher hai bisogno della Carta Nazionale dei Servizi

La CNS, ovvero la Carta nazionale dei Servizi, è una sorta di carta d’identità dell’impresa.

E’ uno degli strumenti messi a disposizione delle imprese per permettere alla Pubblica Amministrazione di identificare l’impresa, con assoluta certezza.

Noi di Trovabando abbiamo offerto un servizio specifico per aiutarti a partecipare.

Condividi questo post

Commenti (210)

  • Daniela Rispondi

    Salve Simona,
    una società srl senza dipendenti può fare domanda per acquistare il software finalizzato a creare un sito di e-commerce?
    Grazie

    il 9 febbraio 2018 alle 18:31
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Daniela,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Assolutamente sì, la spesa e il tipo di società descritte sono ammissibili.
      Ci stavamo chiedendo soltanto una cosa… chi sarebbe Simona?
      Buona serata.

      il 12 febbraio 2018 alle 15:54
  • Roberto Rispondi

    salve, ho un’azienda agricola, produco e vendo olio bio..volevo sapere se rientro tra i settori d’attività che possono richiedere il voucher. Grazie

    il 8 febbraio 2018 alle 18:00
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Roberto,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Purtroppo il voucher prevede l’applicazione del Regolamento De Minimis 1407/2013, che esclude la partecipazione per le imprese agricole.
      Ci dispiace molto.
      Speriamo che il MiSE pubblichi anche un Voucher per la digitalizzazione delle imprese agricole.
      Buona serata.

      il 12 febbraio 2018 alle 15:28
  • Marco Rispondi

    Buongiorno, vorrei sapere visto che sono socio al 33% in una Srl che ha già fatto domanda per questo bando, io la posso fare la stessa domanda (logicamente con progetto diverso, io non so neppure cosa la società ha chiesto) in qualità di titolare di altra ditta che lavoro per mio conto ?
    Grazie
    Marco

    il 8 febbraio 2018 alle 10:14
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Marco,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Ti confermiamo che puoi fare domanda per un altro progetto con un’altra azienda.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 13:11
      • Stella Rispondi

        Buongiorno, andando a ricontrollare l’esito dell’acquisizione della domanda ho notato che la fa scaricare ma in formato PDF, a questo proposito mi è venuto un dubbio e cioè “Non l’avrò per sbaglio caricata in pdf invece che in p7m”? Tuttavia non ho potuto ricontrollare ok alcun modo perché non fa vedere da nessuna parte quel che è stato caricato. Sapete per caso se qualora venga caricato il file in pdf il sistema dà errore? Vi ringrazio in anticipo.

        il 10 febbraio 2018 alle 5:34
        • Trovabando Rispondi

          Ciao Stella,
          ti ringraziamo per averci contattato!
          Purtroppo della compilazione della domanda di partecipazione al Voucher se ne sono occupati i nostri consulenti, quindi su questo non sappiamo darti indicazioni precise.
          Certo se avessi richiesto la nostra assistenza prima… 😉
          Speriamo bene,
          Buona fortuna e buona serata.

          il 12 febbraio 2018 alle 16:09
  • Filippo Rispondi

    Salve, sto richiedendo il voucher per finanziare l’acquisto di un notebook aggiuntivo per migliorare l’efficienza aziendale. Mi è stata preventivata anche l’opzione per una estensione della garanzia Apple a 36 mesi.
    Oltre al costo dell’hardware, la spesa della garanzia aggiuntiva può essere coperta dal voucher oppure potrebbe essere non ammissibile perché non finalizzata al raggiungimento delle finalità previste?
    Grazie e complimenti per le utili risposte a tutti i commenti

    il 7 febbraio 2018 alle 20:15
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Filippo,
      grazie mille per i complimenti e per averci contattato!
      Se la spesa della garanzia è preventivata a parte probabilmente non risulterà ammissibile.
      Se invece è all’interno dello stesso preventivo, potrebbero ritenerla una spesa compresa nell’acquisto dell’hardware, e quindi ammissibile. La situazione alternativa è che scorporeranno la garanzia dall’hardware e ti restituiranno il 50% dell’hardware (garanzia esclusa).
      Potrebbero anche chiedere chiarimenti, quindi ti consigliamo di controllare la PEC.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 12:02
  • Alessio Rispondi

    Buonasera,
    complimenti per la disponibilità immediata.
    Un’impresa vorrebbe acquistare tablet e stampanti termiche bluetooth per effettuare la tentata vendita presso esercizi commerciali (che attualmente effettua compilando manualmente le fatture) e software necessari per la’emissione dei documenti ed il collegamento con il software gestionale aziendale.
    Secondo voi rientrano nel bando? In caso di risposta affermativa sono da considerare miglioramento dell’efficienza aziendale oppure modernizzazione dell’organizzazione del lavoro? Le spese per l’installazione , la formazione e l’avviamento del sistema vanno inserite insieme all’hardware?
    Grazie mille

    il 7 febbraio 2018 alle 19:58
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Alessio,
      grazie mille per i complimenti e per averci contattato!
      Da come hai descritto la situazione sembrerebbero spese ammissibili per un progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Se abbiamo capito bene cosa intendi con la seconda domanda, la formazione va inserita a parte, mentre l’installazione e l’avviamento se possibile come servizi, altrimenti assieme.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 12:12
  • Marco Rispondi

    Buonasera, vista la sua preparazione e cortesia, vorrei porle il seguente caso:
    Ci sono 4 aziende costituite in forma giuridica “srl” che fanno capo ad una entità di tipo “Consorzio”, anch’essa costituita in forma giuridica “srl”. C’è un rappresentante legale che è lo stesso di tutte e 5 le attività (ovviamente tutte iscritte alla camera di commercio). Data la “configurazione”, posso fare una domanda per ogni azienda? Anche se la CNS è una soltanto, intestata al rappresentante legale in comune?
    E poi, la domanda che farei per l’azienda “Consorzio” può precludere la possibilità o l’ammissibilità delle domande che potrei fare a titolo di ogni singola azienda facente parte di detto “Consorzio”?
    Grazie in anticipo.
    Saluti

    il 7 febbraio 2018 alle 16:51
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Marco,
      ti ringraziamo per i complimenti e per averci contattato!
      Puoi presentare domanda per tutte le imprese a patto che i progetti siano diversi.
      L’unico punto critico, che dovreste accertare, è il superamento della soglia dei limiti del De Minimis, tenendo conto delle quote di partecipazione.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 8 febbraio 2018 alle 14:45
  • Angela Rispondi

    Buongiorno,
    in fase di compilazione online del bando, nella sezione “Dati progetto”, cliccando su “Inserisci progetto” posso inserire un mio file pdf con la descrizione dettagliata?
    C’è un modello di riferimento per impostare la descrizione del progetto?
    Grazie per la disponibilità

    Angela

    il 7 febbraio 2018 alle 15:44
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Angela,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Purtroppo della compilazione della domanda per il Voucher se ne occupano i nostri consulenti, quindi ci dispiace ma in questo caso non possiamo aiutarti.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 13:06
  • cedimenti crepe muri alessandra Rispondi

    Buongiorno
    sono alessandra
    in caso di presentazione,
    quando viene comunicato dal ministero l’accettazione della domanda e quando viene erogato il Voucher ?
    Grazie

    il 7 febbraio 2018 alle 13:57
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Alessandra,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      In caso di accettazione della domanda, dalla data di pubblicazione dell’esito delle valutazioni, avrete massimo 6 mesi per realizzare il progetto.
      Appena realizzato il progetto, potrete rendicontare le spese effettuate: in questa fase il MiSE valuterà se effettivamente le spese sono ammissibili a contributo.
      Secondo le comunicazioni ufficiali del MiSE, dalla data di invio della rendicontazione passeranno al massimo 90 giorni (valutazione rendicontazione + erogazione) prima che venga erogato il contributo.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 14:34
  • roberto Rispondi

    Buongiorno, riporto di seguito l’esatta descrizione del nostro progetto per chiedervi se vi pare ammissibile al voucher digitalizzazione – grazie : Ci si avvarrà di un corposo intervento tecnico-consulenziale per realizzare l’implementazione dell’esistente piattaforma con estensione della stessa a tutti i possibili canali interlocutori per raggiungere nel massimo raggio spazio-temporale possibile più segmenti di mercato e massimizzare e sostenere nel tempo la conoscibilità e fruibilità dei nostri prodotti.
    Nello specifico si punta ad affrancare la conoscibilità e visibilità dell’azienda da logiche di out-sourcing svincolando le risorse finanziarie fino ad oggi investite sui tradizionali motori di ricerca, e trasmigrandole invece su risorse proprie che avranno quindi un’opportunità di crescita qualitativa e di riqualificazione del proprio ruolo interno all’azienda che sarà messa nelle condizioni di possedere le tecniche necessarie ad alimentare in proprio la piattaforma
    Questo avverrà facendo loro acquisire la conoscenza delle tecniche SEO e SEM oltre che la capacità’di analisi dei report forniti dalla mole di dati che arrivano attraverso programmi appositi come Google Analitics o SEO-Zoom , abilità queste che consentiranno un prezioso lavoro di re marketing e conseguente aumento delle vendite. delle vendite

    il 7 febbraio 2018 alle 12:55
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Roberto,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Da come hai descritto il progetto non è chiaro se la piattaforma sia un e-commerce.
      Nella prima parte del tuo progetto sembrerebbe che ti stai riferendo ad un progetto di sviluppo e-commerce, mentre nella seconda ad un progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Se la piattaforma non è un e-commerce, o non lo diventerà, non crediamo che le spese saranno considerate ammissibili.
      Ti ricordiamo, infine, che a quanto ci risulta non sembrerebbero ammissibili le spese relative alla SEO.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 13:04
  • ste Rispondi

    ho un sito datato che vorrei rifare dove presento complessivamente tutta l’attività dell’azienda che riunisce 4 divisioni in cui si è specializzata. Per due di queste: in una ho già un sito e-commerce , l’altra farei un catalogo prodotti.
    Vorrei prevedere al sito rinnovato il collegamento i (link ) allo shopping on line che ho dove vendo articoli di danza e ciò dovrebbe apportarmi più traffico e più transazioni , rientra nello ssviluppo e-commerce e aumento dell’efficienza aziendale?
    -per l’altra divisione sempre nello stesso sito creerei un catalogo prodotti diversi dai precedenti ad uso abiti , per poter formulare preventivi evitando quindi l’uscita di un commerciale che adesso deve recarsi fisicamente dal cliente :può essere finanziato è efficienza aziendale?
    -Il servizio fotografico e rielaborazioni immagini per fare il catalogo prodotti , è agevolabile?
    – nel sito ecommerce che ho già avrei bisogno dell’aggiunta di chat live e dell’aggiunta dell’installazione della lingua inglese, sono inclusi?
    Aggiungerei poi la formazione per email marketing, web marketing per ecommerce e social marketing

    il 7 febbraio 2018 alle 12:43
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Ste,
      grazie mille per averci contattato!
      Se hai un sito che al momento non prevede transazioni online, e vuoi inserire questa possibilità, rendendolo quindi un sito di e-commerce, potrai coprire tutte le spese relative ad hardware, software e servizi di consulenza necessari per lo sviluppo.
      Se hai già un sito e-commerce (un altro), puoi svilupparlo aggiungendo la chat, per cui supponiamo serve l’integrazione di un software, e l’aggiunta di lingua inglese.
      Puoi anche spesare la formazione necessaria ad utilizzare le nuove funzionalità, e tutto quello che prevede il progetto che stai presentando.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 12:51
  • Fabio Rispondi

    Grazie mille per i chiarimenti. Avrei un ulteriore dubbio: devo prendere un virtual private server sul quale installare l’e-commerce con un contratto della durata di due-tre anni. Visto che il bando prevede il completamento dell’investimento in 6 mesi devo inserire solo i primi sei mesi di pagamento del server nella richiesta oppure posso inserire l’importo complessivo dei due-tre anni?
    Grazie

    il 7 febbraio 2018 alle 12:41
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Fabio,
      il bando prevede che il progetto sia realizzato entro 6 mesi.
      Se per realizzare il progetto hai bisogno di pagare in un’unica soluzione il VPS, inserisci l’intero importo.
      Se invece lo pagherai in canoni, ti ricordiamo che come tipo di pagamento non è ammesso. A tal proposito ti segnaliamo la FAQ 2.5 del MiSE, che sull’ammissibilità dell’acquisto a tempo determinato di licenze d’uso dei software dichiara:
      sono ammissibili “fermo restando l’osservanza da parte dell’impresa beneficiaria dell’obbligo previsto all’articolo 8, comma, 2, lettera e), del decreto direttoriale 24 ottobre 2017. In particolare, nel caso di acquisto di soluzioni software, sono ammissibili i soli costi relativi all’acquisizione dei programmi informatici (anche a titolo di licenza d’uso) a condizione che gli stessi risultino iscrivibili in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali dell’impresa beneficiaria. Sono invece esclusi dalle agevolazioni i costi sostenuti per canoni che, pur consentendo l’utilizzo dei software (ad esempio per soluzioni Software as a Service – SaaS o relativi all’assistenza/aggiornamento dei programmi) non comportano l’acquisto del software da parte dell’impresa.”
      In base alla FAQ 2.13, “la licenza d’uso dovrà prevedere una durata tale da consentire il loro mantenimento nei tre anni successivi all’erogazione del voucher.”
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 8 febbraio 2018 alle 15:01
  • patrizia Rispondi

    Salve,
    prima di tutto complimenti per la preparazione e tempestività delle risposte. Siamo un’azienda di informatica.
    Ci vorremmo dotare di una serie di software, da far girare su un server, che ci permettano la gestione condivisa dei file e delle cartelle, che facciano da firewall per evitare problemi con virus e attacchi informatici, sistema di backup per la salvaguardia dei dati e software crm per la gestione condivisa delle mail, attività e appuntamenti.
    Vorremmo inoltre creare una rete wifi per gestire in maniera più veloce le nostre risorse.
    Sono spese ammissibili ?

    il 7 febbraio 2018 alle 11:59
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Patrizia,
      grazie mille per averci contattato!
      Da come hai descritto le spese, supposto che dopo aver effettuato gli acquisti sarete più veloci nello svolgere l’attività lavorativa (basterebbe il CRM per questo), potreste presentare domanda per un progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale e/o di modernizzazione dell’organizzazione del lavoro.
      Se non commettete errori tecnici nella compilazione della domanda (che non ci auguriamo), non dovreste avere problemi a ricevere il contributo per tutte le spese elencate.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 18:43
  • massimo Rispondi

    salve, vorrei sapere se le fatture per le spese effettuate devono contenere una qualche dicitura? le devo tenere come giustificativi o sono da mandare a qualcuno?
    grazie

    il 7 febbraio 2018 alle 9:28
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Massimo,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Premesso che speriamo che non hai già effettuato le spese oggetto del bando perché altrimenti il progetto non risulterà ammissibile, le fatture andranno presentate in fase di rendicontazione. Per ora non abbiamo informazioni riguarda alla necessità di inserire una dicitura specifica.
      Buona giornata.

      il 8 febbraio 2018 alle 12:25
  • Luca Rispondi

    Buongiorno.
    Le formazioni ict pagate a professionisti con RITENUTA D’ACCONTO sono rimborsabili?

    il 6 febbraio 2018 alle 18:01
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Luca,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Tutto quello che acquisti e che vuoi far rientrare tra le spese ammissibili deve essere pagato con fattura.
      La ritenuta d’acconto non è ammessa.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 18:32
  • Samuele Rispondi

    Buongiorno,
    vorrei sapere se l’acquisto di pc, monitor e tv può essere ammissibile in un progetto di modernizzazione aziendale ?
    Grazie

    il 6 febbraio 2018 alle 16:51
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Samuele,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Secondo la FAQ 2.1 del MiSE, “le spese ammissibili devono essere riferite all’acquisto di software, hardware o servizi che consentano il raggiungimento delle seguenti finalità:
      a) miglioramento dell’efficienza aziendale;
      b) modernizzazione dell’organizzazione del lavoro;
      c) sviluppo di soluzioni di e-commerce;
      d) connettività a banda larga e ultralarga;
      e) collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.”
      Se il pc, il monitor e la tv rientrano in un progetto che persegue una di queste finalità, risulteranno ammissibili.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 18:30
  • Marcello Rispondi

    E’ possibile dopo la aver ricevuto le somme voucher con approvazione dal mise rinunciare in tutto o in parte ai fondi erogati ? si va incontro a sanzioni , oneri etc con la rinuncia totale o parziale ? Grazie

    il 6 febbraio 2018 alle 16:20
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Marcello,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Quando riceverai le somme, il progetto lo avrai già realizzato ed avrai già sostenuto tutte le spese.
      Se invece ti riferisci all’approvazione della domanda di partecipazione (che non coincide con l’erogazione del contributo), potrai rinunciare senza oneri e sanzioni dandone comunicazione ufficiale al MiSE, ma probabilmente dovrai rinunciare all’intero contributo.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 18:25
      • Marcello Rispondi

        Grazie , Grazie per la risposta le somme del voucher verranno erogate a seguito della presentazione delle fatture quietanzate e non verrà erogato tutto l importo nel conto corrente della ditta ma solo l importo dovuto per quella fattura ?
        Cerco di essere più chiaro perché questo é l ultimo dubbio al momento rimasto , se dal mise mi viene confermato un importo voucher di es. 2000 euro a fronte di una spesa al netto Dell iva che mi propongo di sostenere di 4000 euro cosi suddivisi 1000 acquisto hardware 1000 acquisto software 2000 creazione piattaforma e-commerce , se nel primo mese ricevuta la conferma del voucher compro il mio hardware da 1000 euro più ivae presentando fattura quietanzata da parte dwl fornitore da riceverò in seguito e per quell acquisto 500 euro di contributo , poi nel corso del mese successivo acquistero il software da 1000 +iva e allo stesso modo riceverò presentando fattura e quietanza in seguito una somma totale di contributo 1000 (500 per hardware 500 per sofware) nel mentre incomincio a creare la piattaforma e commerce . Poi mi rendo conto che per problemi tecnici la realizzazione di tale piattaforma comporta un periodo maggiore di sei mesi e mi rendo conto che non riuscirò a presentare una fattura quietanzata prima di 12 mesi e non presento al mise nessuna fattura e quindi decido di perdere le somme di contributo e realizzare il sistema con le mie forze in un secondo momento per il dilungarsi dei tempi di realizzazione del mio e commerce ! In questo caso riceverò sono un contributo di 500 hardware , + 500 software. oppure
        non presentando l ultima fattura e quietanza dovuta alla realizzazione Dell ecommerce non potrò ricevere il contributo non avendo speso tutto l importo di 2000 euro concessi dal mise ?

        il 8 febbraio 2018 alle 15:36
        • Trovabando Rispondi

          Ciao Marcello,
          ti ringraziamo per averci contattato!
          Una volta che risulterai assegnatario del contributo per la digitalizzazione, dalla data della pubblicazione dell’esito, avrai 6 mesi di tempo per realizzare il tuo progetto. Soltanto dopo, in fase di rendicontazione, potrai presentare le fatture relative al tuo progetto, e sulla base di quelle fatture ti verrà erogata la quota di contributo ritenuta ammissibile.
          Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
          Buona serata.

          il 12 febbraio 2018 alle 15:01
  • Simone Rispondi

    Buongiorno, e complimenti per le esaustive risposte che date. Volevo un chiarimento sull’inserimento tecnico delle spese nella domanda. Se tipo il progetto prevede 2 pc, 1 tablet, 3 telecamere… inserisco nella voce “hardware” un’unico importo totale, oppure devo selezionare 6 volte la voce “Hardware” e inserire i prezzi uno ad uno? Vi ringrazio!

    il 6 febbraio 2018 alle 9:41
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Simone,
      ti ringraziamo per i complimenti e per averci contattato!
      Purtroppo però della compilazione della domanda, se ne occupano i nostri consulenti, quindi ci dispiace ma in questo caso non possiamo aiutarti.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 18:04
  • Roberto Rispondi

    salve, io ho un sito aziendale vecchiotto (non ben visualizzabile da smartphone) e senza e-commerce, il bando mi consente di poter rifare il sito ammodernandolo anche senza creare la parte dell’e-commerce dentro? grazie

    il 5 febbraio 2018 alle 16:39
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Roberto,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Purtroppo il bando consente soltanto lo sviluppo di e-commerce.
      Ci dispiace molto.
      Buona serata.

      il 6 febbraio 2018 alle 15:35
    • nino Rispondi

      Buongiorno,

      è da una settimana che provo ad accedere al bando, ma una volta inviata la domanda da sempre lo stesso tipo di errore : IL FILE CARICATO NON CORRISPONDE AL PDF DELL’ISTANZA…

      Qualcuno è riuscito ad accedere al Bando??

      il 7 febbraio 2018 alle 9:47
      • Trovabando Rispondi

        Ciao Nino,
        ti ringraziamo per averci contattato!
        Per quanto ci riguarda, salvo qualche problema di sovraccarico del sito del MiSE, che ha soltanto rallentato un po’ la procedura, tutte le domande che abbiamo caricato sono andate a buon fine.
        Sei sicuro che il formato del file caricato o le dimensioni siano quelle corrette?
        Buona giornata.

        il 7 febbraio 2018 alle 12:27
  • Alberto Rispondi

    Buongiorno, il sistema di videosorveglianza, la rete lan e la filodiffusione in un piccolo centro commerciale possono rientrare nelle agevolazioni. Grazie

    il 5 febbraio 2018 alle 15:13
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Alberto,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Per quanto riguarda la rete lan, dovrebbe essere una spesa ammissibile.
      Il sistema di videosorveglianza e la filodiffusione, invece, difficilmente riusciranno ad entrare in un progetto che abbia le finalità previste dal bando.
      In ogni caso, ti informiamo che periodicamente si trovano anche bandi dedicati esclusivamente all’acquisto di sistemi di videosorveglianza.
      Buona serata.

      il 6 febbraio 2018 alle 15:33
  • Giuliano Rispondi

    Salve,
    Volevo avere qualche informazione riguardo la compilazione.
    Nella parte inerente la dichiarazione relative al soggetto, viene richiesta la data di iscrizione al registro delle imprese e poi il numero di dipendenti, quest’ultimo numero a cosa si riferisce ? Quale anno?Tutti i dipendenti o solo gli ULA?
    Nella parte successiva invece vengono richieste le ULA rispetto a un anno di riferimento non devo inserire lo stesso dato giusto? (Qui inserisco gli ULA del 2016)
    Poi se al momento inserisco delle spese presunte di 20.000€, se nel momento in cui vengono distribuiti i voucher per esempio il finanziamento scende a 6.000€ posso decidere di non spendere tutti e 20.000€ entro i 6 mesi quindi investendo solo 12.000€?
    Grazie mille per l’attenzione

    il 5 febbraio 2018 alle 14:38
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Giuliano,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Per quanto riguarda la scelta di investire un importo minore per realizzare il progetto, possiamo segnalarti la FAQ 3.4 del MiSE, che dichiara:
      “In caso di variazione in diminuzione rispetto all’ammontare previsto in domanda, il progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico realizzato deve, comunque, essere organico e funzionale e tale da garantire il raggiungimento degli obiettivi indicati in sede di domanda. Fermo restando il rispetto di tali requisiti, il Voucher viene assegnato in via definitiva, nel limite dell’importo stabilito con il provvedimento di prenotazione di cui all’articolo 4 del decreto direttoriale 24 ottobre 2017, per una percentuale non superiore al 50% delle spese ritenute ammissibili.”
      Invece per quanto riguarda le informazioni sulla compilazione della domanda, se ne occupano i nostri consulenti, quindi purtroppo in questo caso non possiamo aiutarti.
      Sappiamo però che quando si parla di dipendenti, ci si riferisce alle ULA.
      Ci dispiace se non possiamo essere d’aiuto più di così.
      Buona serata.

      il 7 febbraio 2018 alle 17:42
  • Cinzia Rispondi

    Buongiorno.
    Io sono una consulente e sto scrivendo il progetto per un’azienda che deve vuol fare richiesta del voucher.
    La mia domanda è relativa quindi alle modalità di scrittura del progetto: esiste per caso un modello? Oppure si può descrivere il progetto in qualsiasi forma, come ognuno è abituato a presentare progetti? E quanto dettagliato deve essere? Devono essere ad esempio descritte tecnologie di sviluppo?
    Grazie infinite della pazienza che dimostrate anche rispondendo a domande ridondanti!

    il 4 febbraio 2018 alle 22:09
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Cinzia,
      ti ringraziamo per i complimenti e per averci contattato!
      Se tra gli allegati non trovi un modello, allora non ne esiste uno. Probabilmente puoi descrivere il progetto in qualsiasi forma.
      Quanto dettagliato e se inserire o meno la descrizione delle tecnologie di sviluppo, dipende dal progetto e dagli obiettivi dello stesso, puoi valutare tu.
      Ti ricordiamo che abbiamo sviluppato i nostri servizi online anche per i consulenti e i commercialisti che si occupano di finanza agevolata, controlla se credi che sia interessante per te.
      Buona serata.

      il 6 febbraio 2018 alle 14:43
  • Elena C. Rispondi

    Salve, stiamo richiedendo il voucher per la nostra agenzia di comunicazione. Macchine fotografiche con obiettivi e un nas rientrano nel voucher?
    Grazie!

    il 3 febbraio 2018 alle 11:06
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Elena,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      L’acquisto di hardware, software e/o servizi, è ammissibile a condizione che consentano il raggiungimento delle seguenti finalità:
      a) miglioramento dell’efficienza aziendale;
      b) modernizzazione dell’organizzazione del lavoro;
      c) sviluppo di soluzioni di e-commerce;
      d) connettività a banda larga e ultralarga;
      e) collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 5 febbraio 2018 alle 18:52
  • Leonardo Rispondi

    Buongiorno.
    Non avendo la CNS è possibile utilizzare lo SPID per procedere alle richieste?
    Purtroppo non v’è tempo per ottenere la carta cns.

    Grazie
    Leonardo

    il 3 febbraio 2018 alle 9:03
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Leonardo,
      purtroppo il possesso fisico della CNS è necessario per accedere alla procedura di richiesta del voucher predisposta dal MiSE.
      Qualora in Camera di Commercio siano esaurite, possiamo consigliarti di rivolgerti ad una delle società abilitate dalla PA a rilasciare la CNS. Qui trovi qualche info in più.
      In bocca al lupo!

      il 5 febbraio 2018 alle 9:12
    • Elena C Rispondi

      Grazie per la risposta! Ci chiedevamo se le macchine fotografiche rientrassero però come “hardware”. Ci servirebbero per fare foto professionali ai nostri clienti e quindi per modernizzare l’efficienza aziendale.

      il 5 febbraio 2018 alle 19:15
      • Trovabando Rispondi

        Ciao Elena,
        in base alla FAQ 2.1 del MiSE, l’acquisto di software, hardware o servizi è ammissibile se consentono il raggiungimento di una delle seguenti finalità:
        a) miglioramento dell’efficienza aziendale;
        b) modernizzazione dell’organizzazione del lavoro;
        c) sviluppo di soluzioni di e-commerce;
        d) connettività a banda larga e ultralarga;
        e) collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.
        Se le macchine fotografiche possono essere inserite all’interno di un progetto che ha una di queste finalità, ok.
        Altrimenti non saranno considerate ammissibili.
        Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
        Buona serata.

        il 6 febbraio 2018 alle 15:46
  • Matteo Rispondi

    Se in seguito alla domanda mi viene concesso il voucher, in sede di rendicontazione possono dirmi questa spesa per questo oggetto non é ammissibile?

    il 3 febbraio 2018 alle 5:55
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Matteo,
      nel caso in cui dovessero trovare delle discrepanze tra quanto hai dichiarato nella presentazione della domanda e quanto hai presentato in fase di rendicontazione, potrebbe succedere.
      Buona serata.

      il 5 febbraio 2018 alle 18:31
  • Fabio Rispondi

    Salve, ho una ditta individuale di produzione software legati al mondo vinicolo e vorrei aprire un e-comemrce. Nel caso di un e-commerce è d’obbligo avere una sede operativa come sede di attuazione del piano d’investimento oppure posso non idicare la sede operativa e indicare solo la sede legale visto la tipologia di lavoro telematico?

    il 2 febbraio 2018 alle 19:30
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Fabio,
      dovremmo esserci già sentiti.
      Nel tuo caso, forse, la sede legale coincide con quella operativa.
      Puoi verificare con il tuo commercialista che sia effettivamente così.
      Buona serata.

      il 5 febbraio 2018 alle 15:51
  • Fabio Rispondi

    Ciao Trovabando,

    se inoltro la domanda entro il 9 febbraio, posso già cominciare ad acquistare dal giorno successivo e quindi cominciare ad accantonare le fatture per poterle poi infine presentare nel caso mi sia stato concesso il bonus?
    Possono essere diversi fornitori?
    Grazie e scusa la doppia domanda
    Fabio

    il 2 febbraio 2018 alle 18:21
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Fabio,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Sicuramente si possono avere diversi fornitori.
      Tuttavia, per avviare il progetto ed iniziare ad effettuare le spese dovrai attendere l’esito della valutazione delle domande, che dovrebbe uscire i primi di marzo.
      Buona serata.

      il 5 febbraio 2018 alle 14:56
  • Fausto Rispondi

    Buongiorno,
    secondo voi l’acquisto di obiettivi cinematografici per un’azienda che produce audio video può rientrare nelle spese ammissibili?
    Grazie.

    il 2 febbraio 2018 alle 15:16
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Fausto,
      grazie mille per averci contattato!
      Per come hai descritto la situazione, può sicuramente rientrare tra le spese ammissibili, a patto che rientri all’interno di un progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale o uno degli altri ammessi, e che non sia una semplice sostituzione di obiettivi che avete già.
      Buona giornata.

      il 5 febbraio 2018 alle 12:11
  • Corinne Rispondi

    Buongiorno, grazie per il servizio di consulenza in tempo reale che offrite. Nella domanda che sto approntando, ho un dubbio su alcune spese che vorrei inserire:
    – un corso inerente l’organizzazione aziendale e la redazione di strategie di marketing online. Può rientrare nell’ultimo criterio?
    – uno smartphone: dovrà essere associato a un nuovo numero oppure va bene un numero aziendale già esistente?
    – un prodotto fornito da una società di servizi inerente la redazione di una campagna sui social network.
    In fase di inserimento fino a che livello devo specificare le spese? Siccome i campi da compilare richiedono solo di specificare se si tratta di hardware, software o consulenza, nella descrizione devo descrivere nello specifico di cosa si tratta e a cosa serve? Grazie mille per il vostro aiuto

    il 2 febbraio 2018 alle 10:50
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Corinne,
      grazie mille per i complimenti e per averci contattato!
      I corsi dovrebbero riferirsi al campo ICT, quindi sicuramente vanno bene quelli per le strategie di marketing digitale, mentre per quelli riguardanti l’organizzazione aziendale sarebbero ammissibili soltanto se riferiti ad altre attività di miglioramento dell’efficienza aziendale presenti nel progetto.
      Per lo smartphone non abbiamo informazioni ufficiali a riguardo, ma associare un nuovo numero potrebbe essere meglio.
      Per quanto riguarda l’inserimento dei dati nella domanda di ammissione, purtroppo non possiamo aiutarti da questo canale di contatto. In generale, potrebbe essere utile specificare di cosa si tratta e a cosa serve l’hardware o il software di turno.
      Ti ricordiamo che forniamo un servizio di assistenza e supporto per la redazione della domanda e per la fase di rendicontazione: se ne hai bisogno puoi scrivere ad info@trovabando.it .
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona giornata.

      il 5 febbraio 2018 alle 10:44
  • Desiree Rispondi

    Buongiorno,
    Siamo una concessionaria multimarche, volevamo realizzare una rete con telecamere interconnesse, per agevolare la visione del parco auto, ed avere fotogrammi in tempo reale delle vetture da proporre a distanza al potenziale acquirente. Questo progetto può rientrare nel bando? Inoltre necessitiamo anche di un software personalizzato per la tenuta della contabilità… posso inserire entrambi nella descrizione del progetto, e intitolarlo semplicemente “Miglioramento dell’efficienza aziendale”? Grazie.

    il 2 febbraio 2018 alle 9:48
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Desiree,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Da come hai descritto le spese, per un progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale, dovrebbero rientrare tra quelle ammesse.
      Buona serata.

      il 2 febbraio 2018 alle 18:25
  • Fabio Rispondi

    Salve sono socio unico di una società aperta l anno scorso essendo la mia attività collegata al mondo digitale vorrei aprire un e-commerce. Leggendo tra le FAQ era indicata la voce sede operativa, lavorando da casa ed essendo solo non ho mai registrato una sede operativa. Essa è indispensabile per accedere al voucher?

    il 2 febbraio 2018 alle 3:18
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Fabio,
      per partecipare al voucher per la digitalizzazione è necessario e indispensabile essere iscritti al Registro delle Imprese, perciò devi avere necessariamente una visura camerale su cui è indicata almeno la sede legale (che nel tuo caso potrebbe coincidere con la sede operativa).
      Nel tuo caso, comunque, la sede operativa potrebbe coincidere con il domicilio fiscale.
      Buona giornata.

      il 5 febbraio 2018 alle 11:55
  • Fabio Rispondi

    Salve, avrei un paio di domande: è possibile acquistare l hardware da Amazon o altra piattaforma simile? Le società che forniscono i beni o servizi alla società richiedente il voucher devono avere sede legale in Italia? Potreste indicarmi dei corsi da seguire che possono essere inseriti tra le spese ammissibili, per esempio quelli su coursera sono validi?
    Grazie mille

    il 2 febbraio 2018 alle 3:02
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Fabio,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Per quanto riguarda l’hardware, non dovrebbero esserci problemi per l’acquisto su Amazon.
      Per quanto riguarda i fornitori con sede all’estero, ti segnaliamo quanto chiarito dalla FAQ 2.9 del MiSE, ossia che è possibile acquistare da fornitori con sede all’estero, che in ogni caso saranno tenuti a rilasciare una liberatoria secondo il modello dell’allegato 4.
      Sui corsi da seguire non è importante quale sia la piattaforma utilizzata, ma ricordati che dovranno riguardare il campo ICT o la formazione che riguarda le altre attività legate al progetto presentato. Ad es. se acquisti un software, puoi formarti o formare i tuoi dipendenti su come si utilizza quel software.
      Buona giornata.

      il 5 febbraio 2018 alle 11:38
  • Lidia Rispondi

    Buonasera, in caso di concessione voucher inferiore al 50% del progetto presentato, posso rimodulare le spese in fase di sviluppo progetto, oppure devo comunque sostenere i costi presentati nella domanda iniziale?
    Esempio: se il progetto è 10.000, il finanziamente del 50% è 5.000.
    Qualore fosse concesso solo il 40%, ovvero 4.000, sono tenuta a realizzare un progetto da 10.000 o posso rimodulare a 8.000 per variazione del finanziamento disponibile?
    Grazie!

    il 1 febbraio 2018 alle 23:42
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Lidia,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Purtroppo non possiamo dare certezze su questa tipologia di dubbi.
      Siamo in attesa dell’uscita, sul sito del MiSE, di linee guida per la rendicontazione delle spese.
      In ogni caso possiamo segnalarti la FAQ 3.4 del MiSE:
      “In caso di variazione in diminuzione rispetto all’ammontare previsto in domanda, il progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico realizzato deve, comunque, essere organico e funzionale e tale da garantire il raggiungimento degli obiettivi indicati in sede di domanda. Fermo restando il rispetto di tali requisiti, il Voucher viene assegnato in via definitiva, nel limite dell’importo stabilito con il provvedimento di prenotazione di cui all’articolo 4 del decreto direttoriale 24 ottobre 2017, per una percentuale non superiore al 50% delle spese ritenute ammissibili.”
      Ti ricordiamo che se hai bisogno di assistenza nella presentazione della domanda o nella fase di rendicontazione, possiamo darti supporto.
      Buona serata.

      il 2 febbraio 2018 alle 17:50
      • lidia Rispondi

        quali sono le vostre tariffe per l’assistenza al bando?
        in caso di decurtazione o non ammissibilità al voucher sono da corrispondere per intero?
        grazie

        il 6 febbraio 2018 alle 0:48
        • Trovabando Rispondi

          Buongiorno Lidia,
          puoi controllare quali sono le nostre tariffe per la presentazione della domanda e per la rendicontazione delle spese, cliccando su “Scopri la nostra offerta”, al link seguente http://www.voucherdigitalizzazioneimprese.it/
          Se hai effettuato la verifica gratuita di partecipazione, cliccando sul tasto arancione, non avrai problemi di ammissibilità al bando.
          In caso di decurtazione, non dipendendo dal nostro lavoro nè dalla nostra volontà, l’attività sarà retribuita comunque per intero.
          Ti ricordiamo che, per essere sicuri di fornire a tutti i nostri clienti il servizio richiesto, considerato che il bando scade questo venerdì, accetteremo nuovi incarichi fino alle ore 13 dell’8 febbraio (domani).
          Speriamo di risentirci presto.
          Buona giornata.

          il 7 febbraio 2018 alle 11:52
  • Matteo Rispondi

    buonasera, vorrei un’informazione, attualmente son il titolare di un negozio “fisico” d’arredamento e complementi d’arredo, da circa 20 giorni ho fatto la comunicazione tramite suap dell’ integrazione con attivita e commerce, nonostante l’attività non è ancora iniziata per ritardi nello sviluppo del sito per l’e-commerce(che è anche materialmente anche pronto alla messa in linea), che attualmente è in linea nella versione non e commerce …… mi sta seguendo per l’avvio dell’ e commerce un consulente per conto di una piattaforma ( per capirci della tipologia di magento…prestashop….storeeden…. etc ) …. , attualmente non ho ancora ricevuto alcun tipo di fatturazione da parte del fornitore dei servizi che per accordi intrapresi deve avvenire non prima di aprile 2018 …. ora vorrei capire se posso fare la domanda o non ho i diritti perche’ ho gia fatto la comunicazione suap ….. … se ho i diritti per farla, secondo lei potrei gia mettere in linea il sito o dovrei aspettare l’esito della domanda ?

    il 1 febbraio 2018 alle 22:11
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Matteo,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Aver fatto la comunicazione suap effettivamente potrebbe essere un problema, perché potrebbero non accettare la domanda se dovessero notare/registrare variazioni in corso.
      In ogni caso, se vuoi partecipare, ti ricordiamo che il progetto dovrebbe essere avviato dopo l’esito della domanda e realizzato entro 6 mesi da quella data, quindi dovresti aspettare l’esito.
      Ti ricordiamo che forniamo assistenza sia per la presentazione della domanda che per la rendicontazione delle spese.
      Buona serata.

      il 2 febbraio 2018 alle 17:41
  • Alessio Rispondi

    Buonasera

    complimenti per il servizio e la professionalità che offrite. Non è scontato.
    Riguardo il bando avrei due domande a cui spero possiate rispondere. stiamo valutando l’acquisto di un software di logistica per la nostra azienda. Immagino rientri nel bando. Oltre al programma pensavamo di lanciare una campagna di webmarketing su Google per il nostro ecommerce. Chiaramente ci rivolgeremmo ad una web agency e quindi avremo una consulenza mensile specializzata.
    la mia domanda: è possibile dichiarare entrambe le spese (software e consulenza)? è un pò forzato farli rientrare nello stesso progetto ma potremmo vedere questi due aspetti consequenziali.
    Inoltre, premesso che il valore massimo del voucher sia di 10,000€, sarebbe comunque possibile dichiarare un importo finale del progetto maggiore di 20,000?

    Grazie mille!

    il 1 febbraio 2018 alle 16:24
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Alessio,
      grazie mille per i complimenti e per averci contattato!
      Riguardo all’importo finale, può essere più alto di 20 mila euro, fermo restando il valore massimo del contributo che è di 10 mila euro.
      Riguardo alla parte di web marketing, è possibile dichiarare entrambe le spese, ma solo quelle di consulenza e non il budget per la campagna.
      Ti ricordiamo che secondo la FAQ 2.12 del MiSE, le spese connesse a consulenze specialistiche “possono essere anche dirette alla definizione della strategia di promozione della soluzione di e-commerce sviluppata sui social media e sui social network.”
      In realtà non parla di Google ma di social media. Possiamo supporre che anche Google sia ammissibile, ma non ne abbiamo certezza.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona giornata.

      il 2 febbraio 2018 alle 12:45
  • Marco Rispondi

    – Posso comprare una TV che se collegata al computer funge da schermo da utilizzarsi per vedere i video fatti con un software che noi utilizziamo per lavoro?

    – Se il prezzo di un computer è 1000€+iva ricevo ad ex un voucher a copertura del 30% dunque lo pago 700€.
    Posso portare a super ammortamento 1400€+iva?

    il 1 febbraio 2018 alle 16:06
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Marco,
      per questo tipo di informazioni ti consigliamo di chiedere assistenza ad info@trovabando.it .
      Per quanto riguarda la TV puoi provare a presentare domanda, ma forse non rientrerà tra le spese ammissibili.
      Probabilmente sarebbe più facile dimostrare che utilizzi come schermo un proiettore.
      Buona serata.

      il 2 febbraio 2018 alle 18:16
  • Gabriella Rispondi

    Salve, siamo un impresa di costruzioni e stavamo valutando l’acquisto di un ricevitore GNSS Trimble per il collegamento alla rete di stazioni permanenti della Sardegna (SARNET), secondo il vostro parere potrebbe essere una spesa ammissibile per il voucher digitalizzazione? Grazie mille

    il 1 febbraio 2018 alle 11:41
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Gabriella,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Se non è una semplice sostituzione di un altro ricevitore GNSS, dovrebbe essere una spesa ammissibile.
      Buona giornata.

      il 2 febbraio 2018 alle 12:28
  • francesca Rispondi

    Buongiorno ho un dubbio,
    qualora l’impresa ricorresse ad un finanziamento per pagare il software, il fornitore verrebbe pagato subito per intero dalla finanziaria ma l’impresa come può dimostrare e fornire copia di tutti i pagamenti considerando che sicuramente non riuscirà a pagare tutte le rate nell’arco dei 6 mesi concessi?
    grazie per l’attenzione
    Francesca

    il 1 febbraio 2018 alle 10:47
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Francesca,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Se abbiamo capito bene il tuo dubbio, basterà presentare in fase di rendicontazione la fattura pagata al fornitore, e se necessario i documenti che riguardano il finanziamento.
      Se ne hai bisogno, possiamo fornirti assistenza per la fase di rendicontazione: in questo caso ti consigliamo di scrivere ad info@trovabando.it .
      Se non hai ancora presentato domanda di partecipazione, possiamo supportarti anche su questa prima fase. In questo caso ti consigliamo di verificare che la tua impresa ha i requisiti per partecipare, cliccando sul tasto arancione che trovi sotto al titolo di questo articolo.
      Buona serata.

      il 2 febbraio 2018 alle 17:18
  • Andrea Rispondi

    Buonasera,
    ho un’attivita’ in un centro commerciale e vorrei intraprendere una campagna di Social Media Marketing affidandomi ad un’agenzia specializzata : questo tipo di spesa puo’ rientrare tra quelle ammesse dal bando ?
    grazie

    il 1 febbraio 2018 alle 0:04
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Andrea,
      grazie mille per averci contattato!
      Secondo la FAQ 2.12 del MiSE, le spese connesse a consulenze specialistiche “possono essere anche dirette alla definizione della strategia di promozione della soluzione di e-commerce sviluppata sui social media e sui social network.”
      Quindi se hai un’e-commerce puoi coprire le spese di consulenza, ma non il budget delle campagne.
      Se invece hai solo un negozio fisico, purtroppo non puoi coprire la spesa con questo bando.
      Buona giornata.

      il 1 febbraio 2018 alle 12:58
      • Angelo Rispondi

        Buongiorno, siamo qui a richiedere informazioni in merito alla compilazione del progetto per beneficiare del rimborso voucher per la digitalizzazione delle pmi . 
        In particolare, è nostro interesse conoscere se nell’acquisto dei dispositivi elettrici o elettronici o a contenuto tecnologico rientrano anche: router informatici, armadi elettrici che ospitano componentistica elettronica, telecamere di videosorveglianza, radioallarmi comuni e radioallarmi più avanzati collegati in rete. 
        Al fine di perseguire la riduzione dei costi organizzativi ed in linea con gli obiettivi del progetto, si chiede anche della possibilità di provvedere all’aquisto, di una licenza d’uso del software FatturiAmo-Servizi e Prestazioni + Fattura Elettronica e del software di grafica Adobe Illustrator utile per la gestione del marketing digitale della nostra impresa.  
        Riguardo invece agli investimenti in formazione e aggiornamento professionale, chiediamo se nella misura agevolativa rientrano anche i  CORSI SERVIZI DI SICUREZZA SUSSIDIARIA per guardie particolari giurate  che prevedono brevemente l’uso di apparecchiature elettriche, elettroniche, altamente tecnologiche tra cui Metal detector, apparecchiature rx, des, pedi, ends, rilevatori di tracce di esplosivi e camere di simulazione, addestramento pratico alle comunicazioni (via radiospia e-mail,via chat, ecc.). Per l’utilizzo delle apparecchiature è prevista la formazione mediante computer oltre che pratica. 

        Per tutte le ragioni finora riportate, riteniamo che quanto relazionato possa rientrare nella misura del rimborso ma ci attendiamo in merito, un Vostro ulteriore riscontro positivo. Grazie.

        Nell’attesa, Vi porgiamo i nostri più cordiali saluti.

        il 2 febbraio 2018 alle 12:09
        • Trovabando Rispondi

          Buonasera Angelo,
          ti ringraziamo per averci contattato!
          Tutti gli hardware e i software che hai elencato sono ammissibili a patto che rientrino all’interno di un progetto legato al miglioramento dell’efficienza aziendale o alla connettività e al collegamento della rete internet.
          Gli impianti di videosorveglianza, a meno che non vi occupate di videosorveglianza per i vostri clienti, non crediamo che possano essere ritenuti ammissibili.
          Per questo tipo di impianti esistono bandi e agevolazioni dedicate.
          Per quanto riguarda la formazione, è ammissibile a patto che si riferisca ai progetti di cui sopra (se implementi un software in azienda, dovrai formare la persona che se ne occuperà), oppure sia comunque relativa al campo ICT.
          Ti ricordiamo che se hai bisogno di assistenza per partecipare al bando, puoi scrivere ad info@trovabando.it .
          Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
          Buona serata.

          il 5 febbraio 2018 alle 14:53
  • matteo Rispondi

    Salve sono l’amministratore di una srls che si occupa di consulenze.
    – La CNS, è una ‘firma digitale CNS’ mia personale o qualcosa legato all’azienda?
    Un noto ente certificatore mi ha detto che non esiste la CNS dell’azienda ma è una firma personale dell’amministratore dell’azienda.
    – Quando si parla di progetto cosa si intende? io vorrei comprare fra le cose 2 computer e un iphone, cosa si intende per giustificare il progetto e che esso termini entro 6 mesi?

    il 31 gennaio 2018 alle 19:59
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Matteo,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      La Carta Nazionale dei Servizi è uno strumento che permette l’identificazione dell’azienda. Tra le varie funzioni, permette di firmare digitalmente documenti, e in questo caso la firma digitale è quella del legale rappresentante.
      Quando si parla di progetto, si fa riferimento al progetto che dovrebbe portare l’azienda a digitalizzarsi, tramite una delle forme ammesse a beneficiare del contributo.
      Se devi soltanto comprare 2 pc e 1 Iphone, a patto che non sia una semplice sostituzione, puoi farlo, ed avrai comunque 6 mesi di tempo per acquistarli, a partire dalla data di pubblicazione dell’esito di valutazione delle domande.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona giornata.

      il 1 febbraio 2018 alle 13:19
  • Simona Rispondi

    Buongiorno,
    vorrei sapere se sia possibile presentare un’unico progetto per acquistare software per l’efficientamento aziendale e sviluppo soluzioni e-commerce o l’uno esclude l’altro?

    il 31 gennaio 2018 alle 15:04
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Simona,
      grazie mille per averci contattato!
      Se puoi far rientrare in un unico progetto il miglioramento dell’efficienza aziendale e lo sviluppo di e-commerce sarà sicuramente ammissibile.
      Diversamente, se sono palesemente due progetti non integrati, non è detto che accetteranno tutte le spese per cui richiedi il contributo.
      Buona giornata.

      il 1 febbraio 2018 alle 11:49
  • Pia Rispondi

    Salve, sono proprietaria di una struttura ricettiva e volevo creare un app per mobile. L’app rientra nella spesa ammissibile del voucher? Grazie

    il 31 gennaio 2018 alle 11:19
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Pia,
      grazie mille per averci contattato!
      Se l’app che vuoi creare avrà le caratterisitche di un e-commerce, e quindi se permetterà di eseguire transazioni online, allora rientra tra i progetti ammissibili.
      Buona giornata.

      il 1 febbraio 2018 alle 11:29
  • Marcello Rispondi

    Sono accettate solo fatture con Partita IVA o anche ritenuto d’acconto?

    il 31 gennaio 2018 alle 11:06
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Marcello,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Il MiSE parla soltanto di fatture, quindi in fase di rendicontazione, a quanto ci risulta, si potranno presentare soltanto fatture con Partita Iva.
      Buona giornata.

      il 1 febbraio 2018 alle 11:30
  • Martina Rispondi

    Salve,
    una cosa non mi è chiara: è prevista la formazione qualificata nel campo ICT del personale (Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se attinenti ai fabbisogni formativi) ed il miglioramento dell’efficienza aziendale. Che tipi di corsi sono ammessi? Per esempio, i corsi della Konnex? I corsi per il rilascio della ISO9001? Oppure i corsi sono strettamente legati all’informatica/digitalizzazione?

    il 31 gennaio 2018 alle 10:13
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Martina,
      grazie mille per averci contattato!
      Probabilmente ISO 9001 non è ammissibile, ma per le certificazioni si possono trovare bandi dedicati.
      I corsi della Konnex invece potrebbero essere ammessi.
      In generale, secondo le FAQ del MiSE, la formazione è legata alle altre attività inserite nel progetto (sviluppo e-commerce, miglioramento efficienza aziendale, etc.).
      Buona serata.

      il 31 gennaio 2018 alle 17:01
  • NICOLA Rispondi

    BUONASERA, AVREI UNA DOMANDA DA PORRE
    SE PRESENTO UN PROGETTO DI 24.000.00 EURO E
    MI VIENE CONCESSO SOLO 6.000,00
    POSSO IN BASE ALLA MIA ASSEGNAZIONE SPENDERE, IN MODO CHE IL PROGETTO FUNZIONI, UNA SOMMA PIU’ CONTENUTA DEL COSTO INIZIALE? eSEMPIO : 13.000 COMPRESI I 6.00 ASSEGNATI.
    GRAZIE

    il 30 gennaio 2018 alle 18:16
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Nicola,
      l’investimento massimo ammissibile è di 20.000 euro ed al massimo il ministero riconoscerà un contributo del 50% su tali somme.

      il 30 gennaio 2018 alle 19:01
      • NICOLA Rispondi

        ripropongo la domanda
        il progetto e’ di 20.000,00 euro
        ricevo come contributo solo 6.000,00
        ricevendo un contributo minore di 10.000,00 euro
        posso decidere di spendere meno di 20.000,00 euro
        posso decidere di spendere solo il doppio del contributo ricevuto?

        il 30 gennaio 2018 alle 19:57
        • Trovabando Rispondi

          Ciao Nicola,
          purtroppo non possiamo ancora dare certezze su questo tipo di questioni.
          Dovrebbero uscire delle linee guida riguardanti la fase di rendicontazione, che però probabilmente usciranno dopo la scadenza del bando.
          In ogni caso, se le spese sono le stesse indicate in fase di presentazione di domanda, e sono state soltanto eliminate alcune di queste spese, non dovrebbero esserci problemi, ma non possiamo darne certezza.
          In base alla Faq 2.18 del MiSE:
          “In fase di erogazione, l’impresa assegnataria del Voucher può rendicontare spese riferibili anche a tipologie di beni e/o di servizi diverse rispetto a quanto indicato in domanda, fermo restando che le spese rendicontate possono essere ammissibili nel limite dell’importo previsto in domanda per ciascun ambito di attività e nel rispetto delle condizioni indicate nel decreto del 23 settembre 2014 e nel decreto direttoriale 24 ottobre 2017.”
          Buona serata.

          il 1 febbraio 2018 alle 16:39
  • Emanuele Rispondi

    Buona sera,
    intanto faccio i complimenti alla Dott.ssa Azzolini che come pochi risponde a tutti i commenti inseriti cosi da dare una mano concreta nell’attuazione dei propri progetti aziendali.
    Detto ciò questa mattina ho inviato l’istanza per l’assegnazione del voucher per un progetto di workflow dei processi aziendali per gestire le commesse in modo digitale e automattizzato, tale sistema è composto da vari moduli software, ho due domande da porre:
    1- quanto tempo ho per chiudere il progetto, cioè posso realizzare l’installazione ad avvenuta riposta positiva (fine marzo ?!?) e saldare dopo 6 mesi (fine settembre) il fornitore ed essere nei paramentri corretti per non perdere agevolazione?
    2- se durante la fase di isntallazione e collaudo del sistema dovessi accorgermi che alcuni moduli non sono utili per ns. azienda posso saldare una parte del progetto, chiuderlo e ricevere in proporzione il voucher: esempio presentazione euro 9.000 voucher euro 4.500, realizzazione del progetto euro 5.000 voucher euro 2.500.
    La ringrazio anticipatamente per le risposte.
    Buon lavoro!

    il 30 gennaio 2018 alle 18:08
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Emanuele,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Intanto giriamo i tuoi complimenti alla Dott.ssa Azzolini 😉
      Dovrai iniziare a realizzare il tuo progetto dopo l’esito di valutazione delle domande (marzo), e da quella data avrai sei mesi per realizzare il tuo progetto.
      Le fatture dovranno essere saldate all’interno di questo periodo.
      Per quanto riguarda il punto due, per ora ti possiamo consigliare di valutare bene in anticipo quali moduli siano utili e quali no. Si potrebbe presumere che le cose vadano come hai descritto tu nell’esempio, ma non possiamo dartene certezza. Dovrebbero uscire delle linee guida per la fase di rendicontazione: siamo in attesa.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 31 gennaio 2018 alle 17:56
      • Emanuele Rispondi

        Buona sera,
        certo avete risposto in maniera esauriente, e come pensavo, a riguardo del punto 1.
        Il problema è che ho compilato personalmente l’sitanza dopo aver letto non poche volte il decreto ministeriale e ne ero abbastanza certo, ma il fornitore sosteneva il contrario citando l’articolo 6 comma 2: “Entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta di erogazione di cui al comma 1 … b) accertare l’avvenuto pagamento a saldo delle spese rendicontate…”, ma rileggendo nella sua interezza l’intero decreto dice che i 60 giorni sono dalla richiesta di voucher, quindi dalla fine del progetto, bisogna dare rendicontazione del saldo.
        Vi ringrazio anticpatamente e mi congratuolo nuovamente per la professionalità.
        Sperando di trovare aggiornamenti alla mia domanda del punto 2 del mio post.
        Cordiali saluti.

        il 31 gennaio 2018 alle 18:46
        • Trovabando Rispondi

          Buonasera Emanuele,
          grazie mille per i complimenti!
          Per ora ti possiamo dare un piccolo aggiornamento: in base alla FAQ 2.8 del MiSE, “in fase di erogazione, l’impresa assegnataria del Voucher può rendicontare spese riferibili anche a tipologie di beni e/o di servizi diverse rispetto a quanto indicato in domanda, fermo restando che le spese rendicontate possono essere ammissibili nel limite dell’importo previsto in domanda per ciascun ambito di attività e nel rispetto delle condizioni indicate nel decreto del 23 settembre 2014 e nel decreto direttoriale 24 ottobre 2017.”
          Cercheremo il più possibile di tenervi aggiornati.
          Buona serata.

          il 1 febbraio 2018 alle 17:30
          • Emanuele

            Buon giorno,
            avevo anche scritto al MISE la domanda della diminuzione dell’importo del progetto.
            Mi è stato risposto: Si veda FAQ 3.4, ovvero:
            ” … In caso di variazione in diminuzione rispetto all’ammontare previsto in domanda, il progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico realizzato deve, comunque, essere organico e funzionale e tale da garantire il raggiungimento degli obiettivi indicati in sede di domanda. Fermo restando il rispetto di tali requisiti, il Voucher viene assegnato in via definitiva, nel limite dell’importo stabilito con il provvedimento di prenotazione di cui all’articolo 4 del decreto direttoriale 24 ottobre 2017, per una percentuale non superiore al 50% delle spese ritenute ammissibili.”
            Resterò connesso!
            Saluti.

            il 2 febbraio 2018 alle 10:24
          • Trovabando

            Ciao Emanuele,
            grazie mille per aver condiviso con noi la risposta che ti ha dato il MiSE.
            Potresti rappresentare un esempio da seguire 😉
            Restiamo connessi!
            Buona serata.

            il 2 febbraio 2018 alle 18:09
  • Laura Rispondi

    Salve,sono titolare di un bar tabacchi volevo sapere se rientra anche l’acquisto di un moderno registratore di cassa quelli con schermo e programma magazzino per il tabacco e le merci grazie .

    il 30 gennaio 2018 alle 18:08
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Laura,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      L’acquisto di una cassa (hardware) come quella che hai descritto, potrebbe rientrare tra le spese ammissibili. Se è collegata al magazzino, o ad altri sistemi, tramite un programma interno (software), ad esempio per permettere lo scarico automatico delle merci, o circostanze simili, sarà sicuramente ammissibile come progetto di digitalizzazione legato al miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Buona giornata.

      il 31 gennaio 2018 alle 12:05
  • daniele Rispondi

    Salve, avrei un quesito:

    -se la ditta è di nuova costituzione (con contabilità semplificata) e non ha mai fatto la dichiarazione dei redditi che dati deve inserire nelle sezioni:

    -fatturato: indicare l’importo corrispondente alla voce A.1 del conto economico redatto secondo le vigenti norme del codice civile ovvero, per le imprese esonerate dalla tenuta della contabilità ordinaria e/o dalla redazione del bilancio, l’importo dei ricavi desunto dall’ultima dichiarazione dei redditi presentata;
    totale di bilancio: indicare il totale dell’attivo patrimoniale. Per le imprese esonerate dalla tenuta della contabilità ordinaria e/o dalla redazione del bilancio la predetta informazione è desunta sulla base del prospetto delle attività e delle passività redatto con i criteri di cui al DPR n. 689/74 ed in conformità agli articoli 2423 e seguenti del codice civile;

    grazie

    il 30 gennaio 2018 alle 16:17
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Daniele,
      se hai bisogno di un aiuto, sappi che stiamo fornendo un servizio di supporto alla redazione della domanda a partire da €249+IVA.
      Scrivi pure a info@trovabando.it, saremo lieti di aiutarti! 🙂

      il 30 gennaio 2018 alle 19:07
      • daniele Rispondi

        🙁 🙁

        il 30 gennaio 2018 alle 23:04
  • erica Rispondi

    Salve,
    posso presentare io la domanda o devo rivolgermi a chi offre questa tipologia di servizio? Se si come posso fare? Grazie

    il 30 gennaio 2018 alle 10:10
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Erica,
      grazie mille per averci contattato!
      Puoi presentare domanda anche da sola, ma devi stare attenta a non fare errori, perciò se non hai mai fatto questo tipo di attività ti consigliamo di farti seguire da qualcuno esperto. Puoi farti aiutare anche dal tuo commercialista, se conosce già la finanza agevolata o se offre questo tipo di servizio.
      Altrimenti, ovviamente, possiamo aiutarti noi!
      Se vuoi il nostro aiuto, ti consigliamo di verificare se puoi partecipare al Voucher cliccando sul tasto arancione che vedi sotto al titolo di questo articolo. Appena ci invierai il risultato, ti invieremo una mail con l’esito della verifica di partecipazione e le indicazioni da seguire per poter presentare la domanda con noi, e volendo anche ricevere assistenza nella rendicontazione delle spese.
      Saremo felici di aiutarti!
      Buona giornata.

      il 30 gennaio 2018 alle 14:17
  • Melania Rispondi

    Buongiorno, non mi è chiaro se un servizio di consulenza/assistenza specifico per la presentazione di questa domanda di contributo fa parte delle spese ammissibili. Grazie

    il 30 gennaio 2018 alle 9:23
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Melania,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      Purtroppo l’assistenza/consulenza per partecipare al bando non rientra tra le spese ammissibili.
      Buona giornata.

      il 31 gennaio 2018 alle 10:54
  • Arianna Rispondi

    Salve, vorrei sapere se è possibile per un’azienda presentare un progetto che riguardi sia l’acquisto di un DMS per la dematerializzazione dei documenti che l’acquisto di un SW di controllo presenze. Suppongo che entrambi i SW siano finanziabili, dato che migliorano l’efficienza aziendale, ma mi chiedo se possano essere presentati nella stessa domanda non essendo tra loro correlati

    il 30 gennaio 2018 alle 1:19
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Arianna,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      Sia il DMS che il SW di controllo presenze possono essere finanziati.
      Potreste presentare domanda per un unico progetto legato al miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Buona serata.

      il 31 gennaio 2018 alle 17:08
  • Daniela Rispondi

    Buon giorno
    Sono intestataria di una nuova ditta individuale e faccio servizi di consulenza per web marketing e creazione e gestione e-commerce. Ho la necessità di acquistare 3 computer fissi e 3 portatili per me e altri collaboratori esterni (non dipendenti). Essendo ditta individuale rientrano lo stesso nelle spese ammissibili o posso metterne uno solo?
    Grazie.

    il 29 gennaio 2018 alle 17:33
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Daniela,
      grazie mille per averci contattato!
      Ti confermiamo che puoi presentare domanda anche per più pc portatili e fissi.
      Ma ci raccomandiamo…non esagerare 😉
      Buona serata.

      il 30 gennaio 2018 alle 14:22
  • Lorenzo Rispondi

    Buonasera,
    vorrei sapere se è possibile farsi fatturare e quindi sostenere effettivamente la spesa solo dopo aver avuto conoscenza dell’esito circa l’ammissione.
    In poche parole, è possibile sostenere la spesa solo se si ottiene il finanziamento, presentando successivamente la fattura quietanzata per ricevere il rimborso del 50%?
    Grazie in anticipo.

    il 29 gennaio 2018 alle 16:43
    • Trovabando Rispondi

      Salve Lorenzo,
      le confermiamo che questo è effettivamente il meccanismo di funzionamento del voucher.
      Naturalmente le ricordiamo che, qualora volesse saperne di più del voucher e verificare gratuitamente se la sua azienda ha effettivamente tutti i requisiti per poter richiedere il voucher potrà visitare il sito http://www.voucherdigitalizzazioneimprese.it/.

      Un saluto,
      il team di Trovabando

      il 29 gennaio 2018 alle 16:50
  • Mauro Rispondi

    Buongiorno,
    avrei due domande:
    – il fornitore deve essere una azienda italiana o può essere una azienda EU?
    – una soluzione software di digital signage per mostrare in modo automatico lo stato di occupazione delle sale riunione di un’azienda, integrato al sistema di posta, è un progetto di digitalizzazione che le sembra appropriato?
    Grazie

    il 29 gennaio 2018 alle 0:22
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Mauro,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Secondo la FAQ 2.9 del MiSE, è possibile avere un fornitore con sede all’estero che è però tenuto a rilasciare una liberatoria (che trovi tra gli allegati del bando).
      La soluzione che ci hai descritto, per come descritta, potrebbe rientrare tra le spese ammissibili al bando come progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Buona giornata.

      il 30 gennaio 2018 alle 13:00
  • Elisa Rispondi

    Buona sera. In fase di inoltro domanda occorre già scrivere la somma totale del progetto che intendo finanziare?’ Dalle FAQ del MISE parrebbe trapelare che è possibile realizzare non solo siti e-commerce purchè siano siti che migliorano l’efficienza aziendale (es. siti con particolari proprietà o aree riservate etc etc..?)
    In ogni caso oltre alla descrizione del progetto nel rendiconto delle spese come verranno effettuate le verifiche sui siti realizzati?

    il 28 gennaio 2018 alle 18:34
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Elisa,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      Ti confermiamo che in fase di presentazione della domanda dovrai indicare i costi del progetto.
      Per quanto riguarda l’e-commerce, non sappiamo a quali FAQ ti riferisci, ma a quanto ci risulta, anche considerando la FAQ 2.12 del MiSE, in tale ambito le spese sono ammissibili “solo qualora l’hardware, il software e il servizio di consulenza specialistico siano diretti allo sviluppo, quindi alla creazione o al miglioramento, di soluzioni che consentano lo svolgimento di transazioni commerciali realizzate tramite internet finalizzate alla vendita di beni o servizi.”
      Di conseguenza, premesso che non esistono comunicazioni ufficiali e specifiche su come verranno effettuate le verifiche, per questo tipo di verifica, basterebbe che un funzionario del MiSE entri nel sito sviluppato tramite il contributo e controlli se e quali transazioni online è possibile effettuare.
      Speriamo di aver chiarito i tuoi dubbi.
      Buona giornata.

      il 29 gennaio 2018 alle 12:47
  • Pietro Rispondi

    Buongiorno,
    Una domanda.. in fase di compilazione domanda saranno richiesti gli importi delle spese da sostenere?
    Inizialmente dunque debbo fare dei preventivi?
    Dovrò realizzare un nuovo sito ecommerce molto complesso, acquistare un nuovo PC tablet e richiedere un servizio di consulenza professionale SEO. Grazie

    il 28 gennaio 2018 alle 11:58
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Pietro,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      In fase di presentazione della domanda dovrai indicare i costi del progetto con le relative voci di costo. Non è strettamente necessario allegare i preventivi, fermorestando che ti conviene averli per poter dare un’indicazione il più possibile corretta.
      Le spese che ci indichi sono tutte ammissibili, ad eccezione della consulenza SEO, che a quanto ci risulta non sarebbe prevista. Su quest’ultimo punto purtroppo non abbiamo avuto ancora chiarimenti ufficiali.
      Buona giornata.

      il 29 gennaio 2018 alle 12:34
  • Costa Rispondi

    Salve, sono un musicista e ho una ditta individuale che si occupa di commercio su internet (vendo spartiti) e gestione di campagne di marketing (mi autoproduco video e contenuti ad hoc per la pubblicizzazione del mio prodotto), aperta da meno di 1 anno. Vorrei acquistare un computer adatto alla creazione di video, e che mi permetta quindi di migliorare l’efficienza aziendale, ed una macchina fotografica che utilizzerò appunto per la pubblicizzazione del mio e-commerce. Sono queste spese ammissibili giusto?
    Inoltre, da quanto mi sembra di leggere, devo solo indicare i costi di progetto, mentre uno dei miei fornitori sostiene che debba allegare il suo preventivo alla domanda. Chi ha ragione?

    il 27 gennaio 2018 alle 11:16
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Costa,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      Per quanto riguarda il computer, da come descrivi la tua situazione, è sicuramente una spesa ammissibile.
      La macchina fotografica, invece, non è detto che sia ammissibile.
      Ti confermiamo anche che per la presentazione della domanda non è strettamente necessario allegare il preventivo, mentre invece è necessario indicare i costi del progetto e le relative voci di costo.
      Buona giornata.

      il 29 gennaio 2018 alle 12:16
  • Isidoro Rispondi

    Salve,
    sono un consulente informatico. Desideravo sapere se l’installazione di un software open source ad un azienda e pertanto la fatturazione di tutta la consulenza all’azienda necessaria per rendere operativo il software e la formazione degli operatori che dovranno utilizzare lo stesso, può rientrare nel contesto? Grazie anticipatamente

    il 27 gennaio 2018 alle 10:38
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Isidoro,
      grazie mille per averci contattato!
      L’installazione, la consulenza, e la formazione rientrano tra le spese ammissibili al bando, a patto che, come chiarito nelle FAQ 2.4 e 2.5 del MiSE:
      – non siano inclusi i canoni (se previsti) relativi al software
      – o se inclusi, sono ammessi a condizione che “gli stessi risultino iscrivibili in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali dell’impresa beneficiaria”, che a nostro parere significa che la licenza deve avere almeno 3 anni di validità (verifica con il tuo commercialista).
      Buona giornata.

      il 29 gennaio 2018 alle 11:31
  • Giorgia Rispondi

    Buongiorno,
    Vorrei un chiarimento in merito al bando digitalizzazione.
    la mia struttura alberghiera al momento è in fase di ristrutturazione e prevedo l’apertura nel 2019,
    vorrei usufruire del bando sia per la banda larga, che per il sito per la prenotazione camere online, che per le tecnologie informatiche per la promozione (sito web, promozione della struttura online e sui social network). Cosa dovrò scrivere in fase di compilazione della domanda come date, visto che al momento la struttura è ancora chiusa e prevedo di usufruire di questa agevolazione solo dopo aver concluso le opere di ristrutturazione dell’hotel. Psso usufruire del bando anche fra qualche anno o c’è una data entro cui bisogna utilizzare il voucher?Mi pare di aver letto i sei mesi ma non sono sicura, grazie ancora per la disponibilità e per la chiarezza dei contenuti.

    Grazie

    il 27 gennaio 2018 alle 9:15
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Giorgia,
      grazie mille per averci contattato!
      Purtroppo ti confermiamo che, se dovessi partecipare al Voucher, avresti 6 mesi di tempo per realizzare il tuo progetto, più o meno a partire dai primi di marzo.
      Ci dispiace molto, magari vedi se riesci a rientrarci lo stesso coi tempi.
      Buona serata.

      il 29 gennaio 2018 alle 17:53
  • Clelia Rispondi

    Buonasera volevo chiedervi se tra le spese per acquisto software, rientrano anche quelle sostenute per personalizzazioni e modelli aggiuntivi a licenze software gia’ presenti in azienda. Grazie

    il 26 gennaio 2018 alle 14:22
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Clelia,
      bisognerebbe visionare nel dettaglio i preventivi per risponderti.
      Se sei interessata ad una nostra consulenza puoi scriverci a info@trovabando.it, saremo felici di aiutarti!

      il 26 gennaio 2018 alle 19:21
  • Alba Rispondi

    Buongiorno,

    vi ringrazio anticipatamente per la risposta ed il servizio offerto!

    Io ho una web agency che si occupa principalmente di fornire servizi come creazione di template e formazione per ebay – amazon – prestashop, il progetto che vorremmo presentare è quello di realizzare un gestionale multiutente in grado di semplificare la gestione ed il caricamento dei prodotti dei nostri clienti.
    Il tempo di realizzazione del gestionale si aggira intorno ai 6 mesi.

    1° – Può rientrare secondo voi nel bando digitalizzazione?

    2° – se SI, entro quando devo presentare la rendicontazione?

    3° – posso integrare alla domanda anche un sito e-commerce che mi consente di vendere questo gestionale?

    Grazie
    Alba

    il 26 gennaio 2018 alle 12:56
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Alba,
      grazie mille per averci contattato!
      Ti rispondiamo per punti:
      1. la realizzazione di un gestionale come quello che hai descritto, può sicuramente rientrare tra le spese ammesse al bando, in particolare per un progetto di miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Ti ricordiamo che secondo quanto espressamente previsto dalle FAQ del MiSE (2.3), il progetto deve essere realizzato entro 6 mesi “dalla pubblicazione sul sito istituzionale del Ministero del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher.”
      2. Sarà possibile presentare i documenti per la rendicontazione da quando uscirà l’esito delle valutazioni delle domande di partecipazione.
      3. Assolutamente sì.
      Buona serata.

      il 26 gennaio 2018 alle 17:36
  • Federica Rispondi

    Buongiorno,

    vorrei chiedere se l’acquisto di un drone professionale per scattare fotografie dell’azienda rientri fra le spese ammissibili nel voucher.
    Preciso che al momento non disponiamo uno strumento che svolga tale funzione, pertanto vorremmo procedere con tale acquisto.

    Grazie

    il 26 gennaio 2018 alle 9:58
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Federica,
      grazie a te per averci contattato!
      Se vi occupate di fare foto per le aziende, o avete bisogno del drone per migliorare l’efficienza aziendale, probabilmente rientra tra le spese ammissibili.
      Se invece ti servono delle foto della tua azienda, scattate dall’alto, ad esempio per metterle sul sito aziendale, e quindi utilizzereste il drone soltanto per questo, probabilmente non saranno ammissibili.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 26 gennaio 2018 alle 17:47
  • Elisa Rispondi

    Buonasera,
    vorremmo alcuni chiarimenti mentre predisponiamo la richieste di voucher:
    Se una volta ottenuto il voucher per un certo importo, il fornitore concede uno sconto, oppure non sono state effettuate tutte le operazioni previste, il voucher sarà erogato comunque con importo minore?
    Nella descrizione del progetto bisogna riportare i preventivi?
    grazie

    il 25 gennaio 2018 alle 17:39
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Elisa,
      tutti i dettagli li trovi sul sito del MiSE: ti consiglio in particolare la sezione FAQ.
      Se vuoi essere sicura di ricevere tutte le spese che rendiconterai al ministero, ti consiglio di affidarci l’incarico anche per la rendicontazione: se sei interessata ad una quotazione scrivici a info@trovabando.it, ti risponderemo subito!

      il 25 gennaio 2018 alle 17:51
      • antonietta Rispondi

        Buongiorno,
        abbiamo realizzato un progetto per accedere al servizio di connettività in fibra FTTH. In pratica dovremo attivare una connessione in fibra in uno stabile, che non è ancora registrata come “unità produttiva”. Visto che nelle FAQ si parla di Unità produttiva non sono sicura che la domanda possa essere accolta.

        Attendo vs. riscontro
        grazie
        saluti

        il 26 gennaio 2018 alle 14:29
        • Trovabando Rispondi

          Ciao Antonietta,
          se il progetto è stato già realizzato, non è possibile accedere all’agevolazione! 🙁

          il 26 gennaio 2018 alle 19:19
  • Farmacia Cavalieri Rispondi

    Buona sera,
    chiedevamo se rientrava, l’acquisto di futuri lavori per ampliare il nostro ecommerce e apportare delle migliorie.
    Grazie cordiali saluti.
    Farmacia Cavalieri.

    il 24 gennaio 2018 alle 18:38
    • Trovabando Rispondi

      Salve,
      le confermo che il voucher può essere utilizzato anche per apportare migliorie e sviluppare ulteriormente il vostro e-commerce. Naturalmente per qualsiasi necessità di supporto siamo a vostra disposizione!

      il 24 gennaio 2018 alle 19:43
  • giordano Rispondi

    Buongiorno,
    siamo una start up srl (costituita a novembre 2017), possiamo presentare la domanda?
    In questo caso non abbiamo nulla, dobbiamo acquistare PC e strumenti diagnostici, la domanda è valida?

    il 24 gennaio 2018 alle 17:17
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Giordano,
      assolutamente potete partecipare anche se vi siete costituiti solo nel mese di Novembre. Se volete verificare tutti requisti di accesso al voucher ti consiglio di visitare il nostro sito dedicato interamente al voucher all’indirizzo http://www.voucherdigitalizzazioneimprese.it/ e cliccare sul pulsante “Verifica ora se puoi partecipare”.
      Un saluto e a presto!

      il 24 gennaio 2018 alle 19:45
  • Elio Rispondi

    Buongiorno, le pongo alcune domanda in merito al voucher:

    1- è possibile effettuare una dilazione del pagamenti sul totale preventivo emesso al cliente (cliente che effettuerà il coucher) al fine di poter rateizzare la somma totale preventivata?

    2- il cliente che effettuerà il voucher, dovrà sostenere anticipatamente la totale somma preventivata o può effettuare anche solo un anticipo per poi procedere con il saldo?

    La ringrazio per il servizio offerto.

    il 24 gennaio 2018 alle 12:41
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Elio,
      il MiSe pagherà in base alle fatture quietanzate, indipendentemente dalle dilazioni effettuate a cliente. Attenzione però che i tempi di pagamento non superino la data di fine progetto, altrimenti come faresti a fartele quietanzare in tempo dal fornitore? 🙂

      il 25 gennaio 2018 alle 18:58
  • Andrea Rispondi

    Buonasera.
    Complimenti per il sito. Leggendo le vostre risposte alle domande, ho già risolto molti dubbi che avevo al riguardo.
    Ho ancora qualche nodo da sciogliere, per favore.
    Sono titolare di partita iva nel settore informatico e per partecipare al bando dovrei iscrivermi al registro delle imprese (ho in mente, tra le altre cose, un progetto di ecommerce).
    Però… mi sono trasferito e devo ancora chiedere il cambio di residenza.
    Credete che questo limiti la mia richiesta o ch’io sia già “lungo” per poter partecipare? O eventualmente posso preparare la domanda segnando come sede legale l’indirizzo nel quale già risiedo (senza però avere ancora cambiato la città di residenza)?
    Molte grazie.

    il 22 gennaio 2018 alle 22:09
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Andrea,
      grazie mille per i complimenti e per averci contattato!
      Ci fa piacere sapere che hai già risolto molto dubbi leggendo i commenti.
      Il problema principale nel tuo caso è quanto tempo impiagherai a concludere la pratica di iscrizione nel Registro delle Imprese, purtroppo.
      Secondo noi, sarà difficile riuscire a farlo in tempo utile per la partecipazione a questo bando. Ma puoi chiedere quali siano le tempistiche alla Camera di Commercio.
      Essendo un bando nazionale, non sarà importante dove hai la sede, quindi se il cambio di residenza allunga i tempi, ti consigliamo di farlo dopo aver partecipato al bando.
      Fermo restando quanto scritto per l’iscrizione al Registro delle Imprese.
      Buona fortuna e buona giornata.

      il 23 gennaio 2018 alle 10:56
  • Giovanni Rispondi

    Buonasera,
    l’acquisto di notebook per i dipendenti in modo che possano accedere al gestionale da remoto è ammissibile?

    La dicitura “migliorare l’efficienza aziendale” mi sembra piuttosto vaga: ad esempio posso sostituire i vecchi pc con nuovi desktop più performanti?
    Grazie.

    il 22 gennaio 2018 alle 17:10
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Giovanni,
      l’acquisto di notebook in sè è assolutamente ammissibile. Ciò che non è ammissibile è la sostituzione di vecchi pc con pc nuovi, sebbene più performanti.
      Tale possibilità è esplicitamente esclusa dall’ambito di applicazione delle spese.
      Se hai bisogno di una consulenza specifica su questo punto, in ogni caso, puoi scriverci a info@trovabando.it e raccontarci in dettaglio quali sono le spese che vorresti agevolare.

      il 22 gennaio 2018 alle 19:35
  • ANNA Rispondi

    buongiorno,
    complimenti per l’articolo esauriente!! ho un pò di dubbi che spero possiate aiutarmi a risolvere! Sono una ditta individuale, ho aperto un ecommerce nel 2016, sto utilzzando la piattaforma woocommerce di wordpress, all’interno di wordpress ci sono molti plug in acquistabili che potrebbero un volta comprati migliorare certamente l’attuale rendimento del mio sito, è possibile usufruire del voucher per acquistare questi plug in?
    Inoltre non ho cpaito una cosa importante: entro il 30 gennaio bisogna anche scrivere un progetto con tutti i dettagli di come si intendono spendere i soldi del voucher oppure basta fare la domanda senza specificare nulla? e poi si dovranno rendicontare i soldi spesi? grazie dell’aiuto!!!!

    il 22 gennaio 2018 alle 14:22
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Anna,
      prima di acquistare qualunque software, plugin di wordpress compresi, verifica i termini di licenza: tieni presente che il costo di questi plugin deve rappresentare un’immobilizzazione immateriale dal punto di vista contabile.
      Ti consigliamo di chiedere i preventivi ai fornitori prima della presentazione della domanda, per evitare brutte sorprese dopo, come ad esempio ritrovarsi in fattura spese che poi non possono essere rendicontate…
      Se hai bisogno di aiuto professionale per la redazione della tua pratica, scrivici a info@trovabando.it o rispondi al nostro consulente virtuale cliccando qui per sapere se puoi partecipare!

      il 22 gennaio 2018 alle 19:50
  • Marco Rispondi

    Buongiorno. L’acquisto di una stampante o di un router rientrano nelle spese?

    il 22 gennaio 2018 alle 11:02
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Marco,
      l’acquisto del router può rientrare tra le spese se non è una semplice sostituzione del router precedente, e se si riferisce all’utilizzo di connessioni a banda larga o ultralarga.
      Per l’acquisto della stampante, allo stesso modo, va bene se non è una semplice sostituzione, e se può essere associata ad un miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Ad esempio se avete una vecchia stampante (un vecchio modello) e ne acquistate una nuova digitale, ovviamente è ammessa.
      Buona serata.

      il 23 gennaio 2018 alle 18:34
  • benedetta Rispondi

    salve, vorrei sfruttare il voucher per realizzazione ecommerce, consulenza e formazione specializzata ICT, acquisto hardware: è possibile inserire nella domanda tutte e 3 queste richieste?

    inoltre, per l’hardware devo acquistare un iphone x e un macbook air il cui prezzo di acquisto online può variare in base alle offerte del momento nei vari shop se non lo si acquista sul sito apple dove invece il prezzo è fisso (esempio macbbok air sul sito apple costa 1129€, lo stesso modello su amazon adesso lo trovo a 890,90€) : quale importo va inserito nella domanda del bando?

    grazie mille

    il 21 gennaio 2018 alle 19:59
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Benedetta,
      grazie mille per averci contattato!
      Tutte le spese che hai elencato rientrano tra quelle ammesse, perciò se si riferiscono allo stesso progetto puoi inserirle tutte e 3.
      Per quanto riguarda il prezzo di iphone e pc, ti consigliamo di inserire nel progetto il prezzo fisso del sito ufficiale, o comunque un prezzo che non si riferisce ad un’offerta temporanea.
      Se l’offerta dovesse scadere, ritrovarti a “spiegare” perché pur avendo presentato domanda per un pc da 900 € ne hai acquistato uno da 1200 €, potrebbe essere un serio problema.
      Buona serata.

      il 22 gennaio 2018 alle 18:23
  • Renato Rispondi

    La nostra società di servizi è specializzata nelle attività di Controllo di Gestione, Programmazione, Pianificazione ed Innovazione dei Processi Aziendali. Un nostro cliente ci ha incaricato di analizzare e valutare le attuali procedure di pianificazione, controllo e programmazione esistenti in azienda con la verifica della loro coerenza con la struttura organizzativa e conseguentemente di creare nuovi modelli di sistemi innovativi di processi aziendali attraverso la formazione del personale dipendente. Il progetto avrà durata di circa 3 mesi e sarà svolto nell’azienda del committente. Tali servizi rientrano per il nostro cliente nelle agevolazioni di tale misura?

    il 21 gennaio 2018 alle 0:30
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Renato,
      ti ringraziamo per averci contattato!
      I servizi di consulenza specialistica legati al miglioramento dell’efficienza aziendale rientrano tra le spese ammissibili, così come la formazione che è ammissibile se “attinente ai fabbisogni formativi strettamente correlati”, nel vostro caso, al miglioramento dell’efficienza aziendale.
      In ogni caso, la formazione dovrebbe essere nel campo ICT, perciò per dare una risposta certa dovremmo conoscere meglio il progetto. Ma in tal caso ti consigliamo di scrivere ad info@trovabando.it.
      Per quanto riguarda la durata del progetto, 3 mesi vanno bene, poiché avrete 6 mesi da quando uscirà l’esito delle valutazioni.
      Buona serata.

      il 22 gennaio 2018 alle 18:58
  • Francesco Rispondi

    Salve, vorrei sapere se essendo titolare di un’azienda agricola con regime di contabilità semplificata, posso accedere al bando.
    Grazie

    il 20 gennaio 2018 alle 12:09
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Francesco,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      Se la tua impresa si occupa di produzione primaria di prodotti agricoli, purtroppo non puoi partecipare, perché è una delle attività escluse dal Regolamento de minimis 1407, su cui si basa il bando.
      Se invece ti occupi di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, e quindi ad esempio vuoi fare un e-commerce di sughi biologici, allora puoi partecipare (non essendo un’attività esclusa dal de minimis).
      Quindi bisognerebbe vedere meglio il tipo di attività della tua impresa agricola e il suo codice Ateco.
      Perciò ti consigliamo di scrivere una mail ad info@trovabando.it, descrivendo meglio il progetto che vorresti realizzare con il voucher per la digitalizzazione e il tipo di attività che svolge la tua impresa. Possibilmente indicando il tuo codice Ateco.
      Buona serata.

      il 22 gennaio 2018 alle 18:49
  • Teresa Rispondi

    Salve. Quindi da come posso capire è possibile presentare la domanda dal 15 Gennaio al 9 Febbraio. Dal 15 Gennaio al 30 è solo possibile caricarla.

    il 20 gennaio 2018 alle 11:21
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Teresa,
      grazie mille per averci contattato!
      Dal 15 al 29 gennaio è possibile soltanto caricare le domande.
      Dalle ore 10 del 30 gennaio alle ore 17 del 9 febbraio sarà possibile presentare domanda.

      il 22 gennaio 2018 alle 18:37
  • Sergio Rispondi

    Salve,ho dei dubbi riguardo al numero di apparecchi che possono rientrare nel contributo,,,per esempio rientrano più di uno di smartphone,tablet,notebook ecc.ecc. con una sola domanda??? Premetto che sono ditta individuale a regime minimo senza dipendenti a carico…grazie e buona giornata

    il 19 gennaio 2018 alle 12:59
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Sergio,
      grazie mille per averci contattato!
      Puoi acquistare più pc e smartphone, ma non per sostituire quelli vecchi.
      Inoltre, se è una ditta individuale, a meno che tu non abbia altri collaboratori, non siamo sicuri che ti sarà semplice dimostrare che hai bisogno di più pc, tablet e smartphone per migliorare l’efficienza aziendale o modernizzare l’organizzazione del lavoro.
      La questione non è il numero di hardware, ma a cosa ti servono effettivamente.
      Buona serata

      il 22 gennaio 2018 alle 18:04
  • Gianmarco Rispondi

    Cosa si intende per voucher? verranò accreditati sul conto dell’azienda o sarà concesso sotto forma di credito d’imposta o altre cose del genere? Non sono riuscito a leggerlo da nessuna parte.

    il 19 gennaio 2018 alle 11:46
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Gianmarco,
      grazie mille per averci contattato!
      Per voucher si intende contributo a fondo perduto.
      In fase di rendicontazione dovrai indicare un IBAN su cui verranno accreditati i contributi che ti saranno concessi.
      Buona serata.

      il 22 gennaio 2018 alle 17:49
  • Alessandro Rispondi

    è possibile acquistare una licenza software da una ditta di San Marino, o altri paesi esteri, o sono ammesse solo le spese con fattura italiana?

    il 19 gennaio 2018 alle 0:30
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Alessandro,
      certamente sì!
      Dovrai soltanto far firmare la liberatoria al legale rappresentante dei tuoi fornitori e, nel caso di impresa straniera, dovrai utilizzare il documento per le imprese straniere, che dovresti trovare tra la modulistica del MiSE.
      Buona serata.

      il 22 gennaio 2018 alle 17:53
  • Dario Rispondi

    Buonasera,
    Non ho ben capito se il “voucher” in questione consiste in un rimborso in denaro sul conto della ditta o meno.
    Mi potreste chiarire questo dubbio?
    Grazie.

    il 18 gennaio 2018 alle 21:21
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Dario,
      grazie a te per averci contattato!
      Il voucher è un contributo a fondo perduto: perciò ti verrà restituito il 50 % delle spese legate alla realizzazione del progetto, ma soltanto dopo che avrai sostenuto tutte le spese.
      Buona serata.

      il 19 gennaio 2018 alle 17:56
  • Ilaria Rispondi

    L’acquisto dell’abbonamento di Software come Mail-Up per sviluppare Email marketing e automatizzarle (Marketing Automation) per lo sviluppo della piattaforma e-commerce sono ammissibili. Il costo che Mail Up chiede è annuale.
    Grazie

    il 18 gennaio 2018 alle 19:21
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Ilaria,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      Mail-up dovrebbe essere un SaaS, quindi purtroppo come hai letto al punto 4 di questo articolo sarebbe escluso.
      Secondo le FAQ 2.4 e 2.5 del MiSE, le spese per i canoni relativi a servizi informatici, sono escluse.
      “Sono ammissibili i costi sostenuti per l’acquisto a tempo determinato di licenze d’uso dei software, a condizione che gli stessi risultino iscrivibili in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali dell’impresa beneficiaria.”
      Quindi, a condizione che la licenza sia valevole per almeno 3 anni.
      Se puoi acquistare una licenza di una durata abbastanza ampia da poterla iscrivere in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali (chiedi conferma al tuo commercialista), allora puoi coprire le spese per Mail-up con questo bando.
      Speriamo di essere stati d’aiuto.
      Buona serata.

      il 19 gennaio 2018 alle 18:15
  • Costanzo Rispondi

    Io azienda devo anticipare il 100%? Se si dopo quanto tempo mi riborseranno del 50%?
    Grazie

    il 17 gennaio 2018 alle 23:17
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Costanzo,
      grazie per averci contattato!
      Sì l’azienda deve anticipare il 100%: considera che i contributi a fondo perduto funzionano sempre così.
      Per quanto riguarda la data di erogazione del contributo, purtroppo non possiamo dare date certe. In ogni caso, crediamo che potrebbero passare circa tre mesi dalla data di rendicontazione.
      Buona serata.

      il 18 gennaio 2018 alle 19:15
  • Francesco Rispondi

    Salve, vorrei sapere se non essendo proprietario di un impresa, posso aprire da zero un e-commerce di elettronica ed usufruire del voucher.

    il 17 gennaio 2018 alle 23:15
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Francesco,
      purtroppo possono accedere al bando solo le imprese già costituite e iscritte al Registro delle Imprese.
      Inoltre hai la possibilità di presentare la domanda di partecipazione fino al 30 gennaio, quindi difficilmente riuscirai a costituire la tua società in tempo.
      Ma non scoraggiarti, abbiamo anche una notizia buona (o almeno qualcosa che possa addolcire la pillola)!
      Ti possiamo segnalare un bando che può spesarti la consulenza o la formazione per il tuo e-commerce, della Camera di Commercio di Roma, che scade il 30 Aprile.
      Speriamo di essere stati d’aiuto.
      Buona serata.

      il 18 gennaio 2018 alle 19:04
  • Carolina Rispondi

    Buongiorno,
    leggo che tra le spese ammissibili e rimborsabili sono previste anche quelle relative a “servizi destinati a migliorare l’efficenza aziendale”. Questa dicitura risulta un po’ vaga perché non si capisce bene se potrebbero rientrare anche ad es: la realizzazione di un nuovo sito web (non solo e-commerce), la Gestione e sponsorizzazione di Pagine social, Campagne di Email marketing ecc. Tutti questi servizi migliorerebbero l’efficienza aziendale, quindi stando al primo punto direi di sì, ma da nessuna parte ho trovato approfondimenti a riguardo. Potreste indicarmi dove si specificano tali questioni?

    Grazie

    il 17 gennaio 2018 alle 11:35
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Carolina,
      grazie mille per avercelo chiesto!
      In generale puoi trovare i chiarimenti del MiSE sull’argomento tra le FAQ del bando.
      In ogni caso, per quanto ci risulta, la realizzazione di un sito web se non ha le caratteristiche di un e-commerce non è tra le spese ammissibili.
      Se invece il progetto prevede lo sviluppo di un e-commerce, puoi far rientrare tra le spese del progetto la consulenza per attività di advertising online: ma solo la consulenza, non il budget della campagna di marketing.
      La gestione e la sponsorizzazione di pagine social non sono servizi destinati a migliorare l’efficienza aziendale, o non necessariamente. Ma su questo punto si potrebbe aprire una discussione infinita.
      Se invece, per esempio, il tuo CRM attuale non ti da la possibilità di fare campagne di Email marketing, o di automatizzarle (Marketing Automation), passare ad un CRM che ti dia questa possibilità migliorerebbe l’efficienza aziendale.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.
      Buona serata.

      il 18 gennaio 2018 alle 18:28
  • Luca Rispondi

    Salve, la nostra impresa si occupa esclusivamente di export (acquisto di prodotti in Italia e vendita Extra-EU). In riferimento alla FAQ 1.8 del Ministero dello Sviluppo Economico, possiamo partecipare al bando?
    Grazie,
    Luca

    il 17 gennaio 2018 alle 10:15
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Luca,
      grazie a te per averci contattato!
      Purtroppo ti dobbiamo confermare che le attività legate all’export sono escluse dal bando.
      Ci dispiace.
      Buona serata.

      il 18 gennaio 2018 alle 18:08
  • Giovanni Scavone Rispondi

    Buongiorno, non ho capito una cosa: nel momento in cui il Ministero o chi per Lui verificherà la correttezza della domanda quando si saprà l’importo del voucher che potrà essere riconosciuto? Prima dell’acquisto o solamente in fase di rendicontazione? Perchè leggendo il bando non mi è chiaro. Grazie

    il 16 gennaio 2018 alle 13:33
    • Trovabando Rispondi

      Buonasera Giovanni,
      grazie a te per averci contattato.
      Il MiSE valuterà tutte le domande e deciderà quali tra queste sono ammissibili. Successivamente pubblicherà un elenco di tutte le imprese ammesse, e la percentuale o l’importo di aiuto concesso.
      In fase di rendicontazione, valuterà nuovamente se gli aiuti che ti sono stati concessi sono stati utilizzati come avevi dichiarato, e in ogni caso in maniera corretta.
      Speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.

      il 17 gennaio 2018 alle 19:20
  • CHIARA Rispondi

    salve ho un agriturismo posso richiedere il voucher per acquisto access point , hub e per la ristrutturazione del sito ? dalle mail precedenti ho evinto che è necessario nel caso del sito far effettuare le prenotazioni e il pagamento direttamente online come un e commerce, vero? grazie e complimenti ! OTTIMA CONSULENZA, VELOCE E PUNTUALE.

    il 13 gennaio 2018 alle 17:47
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Chiara,
      grazie mille per i complimenti e per averci contattato!
      Per quanto riguarda l’access point: è ammesso solo se prevede banda larga o ultralarga.
      Anche l’hub dovrebbe essere spesabile, a patto che rientri in un progetto più ampio di digitalizzazione, modernizzazione del lavoro, o miglioramento dell’efficienza aziendale.
      Per quanto riguarda la ristrutturazione del sito: è ammessa a patto che il sito si possa considerare un e-commerce, e che la “ristrutturazione” sia un vero e proprio sviluppo, non un semplice rifacimento della grafica del sito.
      Un sito, per essere considerato un e-commerce, deve permettere di effettuare transazioni o pagamenti online: la sola prenotazione delle camere non basta.
      Grazie ancora e buona giornata.

      il 14 gennaio 2018 alle 18:56
  • Riccardo Rispondi

    Buongiorno,
    l’acquisto di PC e stampante multifunzione per la reception di una struttura ricettiva ed un sistema di ripetitori WIFi (rooter, Hub e Access Point) possono rientrare tra le spese ammissibili
    GRAZIE

    il 13 gennaio 2018 alle 13:12
  • Gianluca Rispondi

    Salve, io vorrei che mi venisse realizzato un sito internet , è di una casa vacanza ,
    in quanto ne sono attualmente sprovvisto , ma il bando parla solo di e-commerce
    quindi posso chiedere preventivi per la realizzazione di un sito semplice?
    grazie

    il 12 gennaio 2018 alle 14:12
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Gianluca,
      il nostro consiglio per poter beneficiare del rimborso previsto dal voucher digitalizzazione è sviluppare un sito internet in cui sia anche possibile prenotare e pagare con carta di credito o paypal gli appartamenti della tua casa vacanze: in questo modo si tratterebbe a tutti gli effetti di ecommerce e la relativa spesa sarebbe ammissibile a quelle previste dall’agevolazione!

      il 13 gennaio 2018 alle 10:21
  • Riccardo Rispondi

    Buonasera, sto ristrutturando un hotel e vorrei, tra l’altro, fare un sito web.
    È ammissibile la spesa di realizzazione di un sito vetrina che permetta al potenziale cliente di vedere la struttura e fare richiesta disponibilità?
    Oppure è ammissibile solo la realizzazione di un sito che consente al potenziale cliente di finalizzare la prenotazione on line e fare direttamente il pagamento?
    Grazie

    il 11 gennaio 2018 alle 22:46
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Riccardo,
      purtroppo le spese riguardanti il mero sito vetrina non possono rientrare tra le spese ammissibili.
      Per poterle recuperare, ti consigliamo di integrare un modulo di gestione e di pagamento delle prenotazioni, eventualmente integrabile con booking o le altre piattaforme di prenotazione.

      il 12 gennaio 2018 alle 14:04
      • Riccardo Rispondi

        Grazie per la tempestiva e precisa risposta.
        Vorrei anche aver conferma se l’acquisto di PC e stampante multifunzione per la reception e ripetitori WIFi (Hub e Access Point) possono invece rientrare tra le spese ammissibili
        GRAZIE

        il 12 gennaio 2018 alle 22:28
  • Bozzolo Rispondi

    Salve,
    visto che nella normativa si parla di fatture e non di contratto, è possibile presentare fatture (posteriori alla data di presentazione domanda) che fanno parte di un contratto già avviato e quindi già fatturato in parte prima della data di presentazione della domanda?
    Grazie

    il 9 gennaio 2018 alle 18:23
    • Trovabando Rispondi

      Ciao,
      le spese devono essere avviate successivamente alla prenotazione del voucher ed essere ultimate al massimo 6 mesi dopo l’ok del Ministero.
      Inoltre le prestazioni di consulenza specialistica o di formazione qualificata devono essere svolte nel periodo di svolgimento del progetto.
      Non si parla di contratti, ma di spese e di fatture.
      Tieni presente che l’azienda dovrà presentare un rendiconto dettagliato del progetto ed inoltre i fonritori dovranno rilasciare una liberatoria inerente l’attività effettuata e le relative fatture quietanzate dall’azienda.

      Per la gestione di questi aspetti di rendicontazione e di gestione delle criticità nei confronti del Ministero, sappi che stiamo offrendo un servizio “senza pensieri” per i nostri clienti: qui trovi tutti i dettagli.

      Buona giornata!

      il 11 gennaio 2018 alle 11:07
  • Valentina mussi Rispondi

    Gent.mi
    Vorrei avere un chiarimento in merito al voucher. Nel caso della realizzazione duna piattaforma ad hoc per la nodtra azienda tale costo può essere esposto? E se il costo del progetto sarà pari a 40.000 euro verrà rimborsato un valore massimo di 10.000euro?

    il 8 gennaio 2018 alle 17:01
    • Trovabando Rispondi

      Ciao Valentina,
      per quanto riguarda la realizzazione della piattaforma, dipende dal tipo di piattaforma: puoi spiegarci meglio?
      Per quanto riguarda il rimborso che riceveresti, sarà pari al 50% fino ad un massimo di 10 mila euro: perciò la risposta alla tua domanda è sì.

      il 9 gennaio 2018 alle 9:58
  • Francesco Rispondi

    Salve, io sono titolare di un ditta individuale appartenente al regime forfettario. Posso presentare la domanda?
    Se sì io vorrei acquistare dei componenti hardware, dei software, attivare un sito e-commerce ed effettuare un corso di aggiornamento. Sarebbe possibile? Grazie

    il 2 gennaio 2018 alle 11:42
    • Francesco Rispondi

      Inoltre se l’importo complessivo delle spese sostenute è pari ad esempio ad euro 9760,00 iva inclusa (8000,00 + 1760,00 di imposta) il contributo erogabile ammonterebbe solo al 50% dell’imponibile, quindi ad euro 4000,00, mentre l’importo residuo di euro 5760,00 sarebbe a carico all’azienda? Grazie

      il 2 gennaio 2018 alle 11:59
      • Trovabando Rispondi

        Esattamente Francesco.
        Il contributo a fondo perduto copre il 50 % delle spese, IVA esclusa. Il restante 50 % è a carico dell’azienda che realizza il progetto.
        Buona giornata.

        il 5 gennaio 2018 alle 16:27
    • Trovabando Rispondi

      Salve Francesco e grazie per averci contattato.
      Se la sua ditta individuale è iscritta al registro delle imprese può richiedere il voucher indipendentemente dal regime contabile applicato.

      il 5 gennaio 2018 alle 16:17
  • Dora Rispondi

    Salve, vorrei sapere se l’iva è compresa nei 10.000 euro e chi la paga. Grazie

    il 21 dicembre 2017 alle 18:29
    • Trovabando Rispondi

      Salve Dora,
      l’iva, le imposte e le tasse, non sono mai comprese tra le spese ammesse al contributo. E’ pagata da chi realizza il progetto.
      Salvo casi particolari, questo vale per qualsiasi tipologia di contributo.

      il 22 dicembre 2017 alle 17:42
  • Simona Rispondi

    salve, vorrei sapere se la sostituzione di un gestionale già esistente (perchè ormai datato) può essere considerata una spesa ammissibile.
    grazie mille in anticipo!

    il 20 dicembre 2017 alle 12:18
    • Trovabando Rispondi

      Salve Simona,
      grazie a te per avercelo chiesto.
      Se la sostituzione del gestionale porta ad un miglioramento dell’efficienza aziendale o alla modernizzazione del lavoro, è certamente ammissibile.

      il 21 dicembre 2017 alle 16:27
  • Lorenzo Rispondi

    Interessante, quindi si possono presentare anche più fatture di fornitori diversi?

    il 16 dicembre 2017 alle 15:19
    • Trovabando Rispondi

      Buongiorno Lorenzo,
      ti ringraziamo per avercelo chiesto.
      Sì, se i fornitori realizzano attività diverse, si possono presentare fatture di fornitori diversi.

      il 18 dicembre 2017 alle 9:12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *