Seleziona una pagina

Scopriamo insieme che cosa si intende per Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) per capire facilmente in quale categoria rientra la tua impresa.

24 Mag, 2017

Micro Piccole Medie Imprese, ecco cosa si intende con Mpmi

Ecco una nuova voce del nostro glossario sulla Finanza Agevolata! Oggi parleremo di Micro Piccole Medie Imprese (MPMI), dandoti una definizione e una descrizione esatta del termine. D’ora in poi, leggendo un bando pubblico, non avrai più dubbi su cosa si intenda per MPMI.

La definizione di Micro, Piccole e Medie imprese è stata data dalla Commissione Europea e stabilita all’interno della Raccomandazione 2003/361/CE. La Commissione ha quindi stabilito quali sono i parametri per la determinazione della dimensione aziendale delle imprese, utilizzati anche ai fini della concessione di fondi ed agevolazioni pubbliche.
Scopriamo più nel dettaglio di cosa stiamo parlando…

Come faccio a sapere a che categoria appartengo?

Semplice! Leggi le definizioni che trovi sotto ed individuerai subito a quale categoria appartiene la tua impresa.

SEI UNA MICROIMPRESA SE:

  • Hai meno di 10 occupati;
  • Realizzi un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro.

PICCOLA IMPRESA SE: 

  • Hai meno di 50 occupati;
  • Realizzi un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro.

MEDIA IMPRESA SE: 

  • Hai meno di 250 occupati;
  • Realizzi un fatturato annuo che non supera i 50 milioni di euro oppure il totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di euro.

Per ogni categoria d’impresa i due requisiti, dimensionale e finanziario, devono essere posseduti contemporaneamente.

Glossario finanza agevolata

Tutto quello che devi sapere sulla finanza agevolata.

Come si calcolano gli occupati e il fatturato?

I dati relativi al numero di occupati e al fatturato vengono calcolati su base annua e sono relativi all’ultimo esercizio chiuso. 

Gli occupati, o effettivi, corrispondono al numero di ULA (unità lavorative-anno), quindi al numero di persone che hanno lavorato nell’impresa a tempo pieno durante l’anno di riferimento.
Gli effettivi sono composti sia dai dipendenti (con contratto a tempo determinato o indeterminato), che dai proprietari gestori e dai soci che svolgono attività regolare all’interno dell’impresa.

Per quanto riguarda il fatturato e il totale di bilancio, possono essere tranquillamente ricavati dal bilancio della tua impresa.

La Raccomandazione della Commissione Europea ci da un ulteriore dettaglio legato al concetto di Micro Piccole Medie Imprese.
Per quanto riguarda il calcolo degli effettivi, i tipi di imprese considerati a questo fine sono:

  • impresa autonoma – sono tutte quelle imprese che non hanno rapporti societari con altre aziende o che hanno partecipazioni o sono partecipate per meno del 25% delle azioni;
  • imprese associate – se si partecipa al capitale di un’impresa o un’impresa ci partecipa per una percentuale di azioni compresa tra il 25% e il 50%;
  • imprese collegate – se si partecipa, o si è partecipati, nel capitale aziendale per oltre il 50%.

 

Se hai ancora dubbi o hai bisogno di un aiuto professionale per il tuo business plan, contattaci e saremo lieti di aiutarti!

Non perderti tutti gli aggiornamenti del nostro Glossario per conoscere ogni giorno qualcosa di più sul mondo della Finanza Agevolata! Ti riproponiamo qui l’ultima lettera uscita sul nostro Glossario, ecco qui: L…come Lavoratore autonomo.

Nel frattempo…

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commentocondividilo sui social!

>