Seleziona una pagina

A…come codice ATECO

Tutto quello che c’è da sapere sul codice Ateco

6 Ott, 2016

Hai notato che la maggior parte dei bandi e delle agevolazioni richiedono l’appartenenza a particolari settori economici, identificati da un codice, denominato codice Ateco?

Ma cosa si intende con questo termine? Vediamolo insieme…

Cos’è il codice Ateco?

l codice Ateco, o classificazione delle attività economiche ATECO (ATtività ECOnomiche), è una tipologia di classificazione formata da una combinazione alfanumerica, adottata dall’Istituto Nazionale di Statistica italiano (ISTAT) per le rilevazioni statistiche nazionali di carattere economico.

Il codice Ateco non fa distinzioni in base al tipo di organizzazione proprietaria dell’unità produttiva o al modo di operare, poiché tale criterio non attiene alle caratteristiche dell’attività in sé.

 

La classificazione Ateco 2007

Dal 1° gennaio 2008 è in vigore la nuova classificazione Ateco 2007, approvata dall’ISTAT in stretta collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, le Camere di Commercio ed altri Enti, Ministeri ed Associazioni imprenditoriali interessate.

Con i codici Ateco 2007, viene quindi adottata la stessa classificazione delle attività economiche per fini statistici, fiscali e contributivi, in un processo di semplificazione delle informazioni gestite dalle pubbliche amministrazioni.

Rappresenta la traduzione italiana della Nomenclatura delle Attività Economiche (NACE) creata dall’Eurostat, e adattata dall’ISTAT alle caratteristiche specifiche del sistema economico italiano.

Dal 2008 è valido anche per le comunicazioni e le dichiarazioni all’Agenzia delle Entrate, in sostituzione della precedente ATECOFIN 2004.

Come posso effettuare la ricerca del codice Ateco?

Se vuoi, puoi fare una ricerca del tuo codice Ateco, sul sito ISTAT.

Basterà inserire il tipo di attività che svolgi, ad esempio gelateria o commercialista, sulla barra “Individua un codice attività“, e cliccare la freccia “invia”.

 

Glossario finanza agevolata

Tutto quello che devi sapere sulla finanza agevolata.

 

Come è fatto un codice Ateco?

Come già anticipato, il codice Ateco è una combinazione alfanumerica nella quale le lettere individuano il macrosettore economico mentre i numeri (da 2 fino a sei 6) rappresentano, in modo dettagliato, le specifiche articolazioni e sottocategorie dei settori stessi.

Le varie attività economiche sono raggruppate, dal generale al particolare, in questo modo:

  1. Sezioni (1 lettera)
  2. Divisioni (2 cifre)
  3. Gruppi (3 cifre)
  4. Classi (4 cifre)
  5. Categorie (5 cifre)
  6. Sottocategorie (6 cifre)

Ciascun codice numerico incorpora i precedenti.

 

Un buon esempio di classificazione Ateco

10.85.04 – Produzione di pizza confezionata

CodiceDefinizione
SezioneC

ATTIVITÀ MANIFATTURIERE

Divisione10

INDUSTRIE ALIMENTARI

Gruppo10.8

PRODUZIONE DI ALTRI PRODOTTI ALIMENTARI

Classe10.85

PRODUZIONE DI PASTI E PIATTI PREPARATI

Categoria10.85.0PRODUZIONE DI PASTI E PIATTI PRONTI (PREPARATI, CONDITI, CUCINATI E CONFEZIONATI)
Sottocategoria10.85.04PRODUZIONE DI PIZZA CONFEZIONATA

 

Ti proponiamo anche l’elenco completo dei codici Ateco, suddivisi come spiegato finora.

 

A cosa serve il codice Ateco?

Il Codice Ateco per la creazione e la modifica dell’attività

Se vuoi creare una nuova attività il codice Ateco è essenziale per l’apertura di una nuova partita IVA. In questo caso, infatti, bisogna comunicare all’Agenzia delle Entrate la tipologia dell’attività che si vuole svolgere in base alla classificazione Ateco 2007.

Come già detto, questa comunicazione è necessaria affinchè ciascuna attività sia classificata in modo standardizzato ai fini fiscali, contributivi e statistici.

Contemporaneamente, bisognerà rivolgersi ad un Commercialista per l’elaborazione della Dichiarazione di Inizio Attività (DIA), sempre in relazione all’attività economica di riferimento.

Ogni eventuale variazione dell’attività economica dovrà essere comunicata al Fisco, insieme al nuovo codice Ateco.

 

Il Codice Ateco e la definizione della categoria di rischio

Nell’ambito della sicurezza del lavoro, il codice Ateco è utilizzato per individuare la categoria di rischio dell’attività economica (definito in rischio basso, medio, alto). L’Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro (INAIL), nelle linee guida redatte nel 2011, ha infatti associato a ciascun codice Ateco una fascia di rischio specifica.

Diversificare il livello di rischio aziendale attraverso il codice Ateco è necessario, poichè in base a questa vengono definite le misure di sicurezza dei locali e le misure di prevenzione e protezione dei lavoratori, nonchè la loro specifica formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Codice ateco primario o secondario?

Come già detto, ad ogni impresa si associa un codice Ateco in base all’attività economica principale che svolge, cioè quell’attività che contribuisce maggiormente al valore aggiunto dell’unità.

Nel caso l’impresa svolga una sola attività economica, la sua attività principale sarà determinata dalla categoria Ateco che descrive tale attività. Il suo codice Ateco primario.

Se l’impresa invece svolge diverse attività economiche, l’attività principale sarà determinata in base al valore aggiunto associato ad ogni attività svolta.

Di conseguenza le altre attività saranno definite con un codice ateco secondario. Anche questo codice ha la sua importanza: ad esempio, per quanto riguarda la finanza agevolata, l’ammissione ad alcuni bandi può essere determinata proprio da questo.

In conclusione, il codice ateco definisce l’attività svolta dall’impresa, primaria o secondaria che sia: è una sorta di carta d’identità che rappresenta chi siamo e cosa facciamo.

 

Se sei arrivato fino qui, puoi dire di aver imparato qualcosa in più sulla finanza agevolata (o almeno spero!). E siamo solo alla lettera A!
Non perderti tutti gli aggiornamenti del nostro Glossario per poter dire di essere un esperto di questo mondo! Nel frattempo…

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tu amico, lascia un commento e condividilo sui social!

Legge di bilancio 2019: agevolazioni e contributi per imprese e professionisti [Mini guida]

Legge di bilancio 2019: agevolazioni e contributi per imprese e professionisti [Mini guida]

Sei curioso di conoscere nel dettagli tutte le novità della Legge di Stabilità 2019? Allora non perdere la nostra mini guida: dagli sgravi fiscali a quelli contributivi dedicati al mondo del lavoro, fino ai contributi a fondo perduto e a tasso agevolato, sono moltissime le agevolazioni proposte dalla nuova finanziaria.

Leggi la nostra guida e scopri con noi le novità di finanza agevolata contenute nella Legge di Stabilità 2019 per imprese e liberi professionisti.

leggi tutto
Legge di bilancio 2019: agevolazioni e contributi per imprese e professionisti [Mini guida]

Legge di bilancio 2019: agevolazioni e contributi per imprese e professionisti [Mini guida]

Sei curioso di conoscere nel dettagli tutte le novità della Legge di Stabilità 2019? Allora non perdere la nostra mini guida: dagli sgravi fiscali a quelli contributivi dedicati al mondo del lavoro, fino ai contributi a fondo perduto e a tasso agevolato, sono moltissime le agevolazioni proposte dalla nuova finanziaria.

Leggi la nostra guida e scopri con noi le novità di finanza agevolata contenute nella Legge di Stabilità 2019 per imprese e liberi professionisti.

leggi tutto

Risparmia tempo e fatica

da Team Trovabando | 26 Ott, 2018

Articoli correlati

  • Il lavoro autonomo è la forma di lavoro svolta da un tipo di lavoratore previsto dal diritto del lavoro italiano, definito dall'art. 2222 del codice civile. Sei anche tu uno di loro? Scopri tutti i numeri di questo settore!
  • Che cosa sono le ULA e come si calcolano? Scoprilo con una nuova puntata del nostro glossario della finanza agevolata!
  • 142 miliardi di euro per le imprese italiane nel periodo 2014-2020. Ormai lo abbiamo sentito moltissime volte. Ma vi siete mai chiesti chi è che decide chi, come e quanto possono essere agevolate le imprese?
>