Seleziona una pagina

Vuoi avviare la tua nuova attività? Hai desiderio di metterti in proprio e partire con una nuova impresa? Abbiamo buone notizie per te.

Grazie alla finanza agevolata ci sono ottime opportunità per avviare la tua attività con un aiuto pubblico!

Per questo, se hai sempre desiderato avviare la tua impresa e il tuo sogno nel cassetto è quello di diventare un imprenditore o un’imprenditrice, la finanza agevolata è una risorsa da conoscere bene, e da utilizzare al meglio.

Attualmente, infatti, sono attive diverse agevolazioni pubbliche, nazionali e regionali, che consentono a startupper e aspiranti imprenditori di tirare fuori i sogni dal cassetto e di… buttarsi nella mischia con la propria attività.

Abbiamo già parlato delle agevolazioni per startup innovative, ma… per chi non rientra in questa categoria?

Anche per chi vuole avviare un’attività “non innovativa”, o che non può rientrare nella definizione di startup innovativa, ci sono comunque molte opportunità agevolative da poter sfruttare!

Vediamo subito alcuni dei principali finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto disponibili per l’avvio di nuove attività disponibili a livello nazionale.

Bandi e agevolazioni nazionali per nuove imprese o startup

Uno dei principali bandi nazionali per l’avvio di una nuova attività è sicuramente Nuove Imprese a Tasso Zero di Invitalia. Analizziamolo insieme nel dettaglio.

Nuove Imprese a tasso zero di Invitalia

Se la tua futura startup non prevede una vera e propria innovazione tecnologica, puoi comunque finanziare il tuo progetto di business grazie al bando “Nuove imprese a tasso zero“.

Quest’agevolazione rappresenta lo strumento ideale per avviare la tua impresa in molte attività economiche “classiche”, quali ad esempio bed & breakfast, alberghi, bar e ristoranti, palestre, centri estetici e… molto altro!

Si tratta di un finanziamento a tasso zero che copre fino al 75% delle spese totali, e può arrivare fino a un massimo di 1.5 milioni di euro, dando all’imprenditore o all’imprenditrice un’ottima opportunità per sviluppare al meglio il proprio business.

Resto al Sud: l’agevolazione perfetta per avviare una nuova attività in tutte le regioni del Mezzogiorno

Un’altra ottima opportunità per tutti coloro che risiedono nelle regioni del Mezzogiorno (e presto anche per chi risiede nelle aree del centro colpite dai terremoti del 2016 e 2017) è rappresentata dal bando Resto al Sud.

E’ l’agevolazione promossa da Invitalia per gli aspiranti imprenditori di Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania, Sicilia, Puglia e Sardegna.

Un’agevolazione mista, composta da due contributi a fondo perduto e da un finanziamento a tasso zero, per una copertura complessiva che può arrivare fino a € 200.000 (nel caso di 4 soci), promossa al fine di sostenere l’avvio di nuove attività imprenditoriali nel nostro meraviglioso Sud.

Dato che ne abbiamo parlato molto in altre occasioni, di seguito ti proponiamo una lista di nostre risorse per approfondire l’argomento:

Bandi e agevolazioni regionali per avviare nuove imprese

I contributi e i finanziamenti per avviare nuove attività sono numerosi anche a livello regionale. Vediamo insieme quali sono quelli più interessanti, secondo noi di Trovabando.

Regione Toscana: il microcredito per la nascita di nuove imprese

La Regione Toscana si concentra sull’avvio di nuove attività giovanili e femminili con il bando “Microcredito a sostegno della nascita di nuove imprese giovanili, femminili e dei destinatari di ammortizzatori sociali nei settori manifatturiero, commercio turismo e terziario“.

Il bando prevede un finanziamento a tasso zero su 7 anni, per il 70% delle spese ammissibili. Il progetto presentato deve essere almeno pari ad € 8.000 e non superiore ad € 35.000.

Un’ottima opportunità per PMI, liberi professionisti ed aspiranti imprenditori che vogliono avviare o sviluppare la propria attività in Toscana con un sostegno pubblico.

Bando NIDI della Regione Puglia

Tra le agevolazioni più interessanti del Mezzogiorno c’è N.I.D.I. (ovvero “Nuove iniziative d’impresa“) della Regione Puglia.

Un contributo misto, composto da un contributo a fondo perduto ed un finanziamento agevolato, che permette di ricevere fino a € 120.000, dedicato a chi vuole avviare la propria attività nei seguenti settori:

  • manifatturiero
  • costruzioni ed edilizia
  • riparazione di autoveicoli e motocicli
  • affittacamere e bed & breakfast
  • ristorazione con cucina
  • servizi di informazione e comunicazione
  • attività professionali, scientifiche e tecniche
  • agenzie di viaggio
  • servizi di supporto alle imprese
  • istruzione
  • sanità e assistenza sociale non residenziale
  • attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
  • attività di servizi per la persona
  • commercio elettronico.

E’ ammessa la partecipazione sia per le nuove attività in forma individuale che societaria.

Regione Lazio: bando per il supporto allo startup di impresa

La Regione Lazio supporta la nascita di nuove imprese promosse da giovani NEET (ovvero giovani tra i 18 e i 29 disoccupati, che non frequentano un regolare corso di studi) con la misura “Attività di accompagnamento all’avvio di impresa e supporto allo start-up di impresa”.

Con questo incentivo si promuovono servizi per il sostegno e lo sviluppo di idee imprenditoriali o percorsi che favoriscano le prospettive occupazionali legate all’autoimpiego

I servizi erogati riguardano:

  • consulenza (coaching e counseling finalizzati allo sviluppo di un’idea imprenditoriale);
  • definizione dell’idea imprenditoriale e delle attività propedeutiche all’avvio d’impresa o di un lavoro autonomo;
  • redazione del business plan;
  • affiancamento nella fase di start-up, accompagnamento per l’accesso al credito e alla finanziabilità ed erogazione dei servizi a sostegno della costituzione di impresa (informazioni su adempimenti burocratici e amministrativi, supporto alla ricerca di partner tecnologici e produttivi, ecc.).

Per non sentirsi soli in un momento importante, ma impegnativo!

Fondo Microcredito della Regione Basilicata

Anche la Basilicata, con il Fondo Microcredito FSE 2014-2020, interviene per supportare la creazione di impresa e di attività di lavoro autonomo da parte di soggetti che hanno difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito.

I disoccupati che intendono avviare una microimpresa e i soggetti che intendono creare o ricevere sostegno per un’attività economica operante nel terzo settore, potranno accedere a un prestito di importo fino a 25.000 euro, da restituire a tasso zero.

Sono escluse le iniziative riferite ai seguenti settori:

  • pesca e dell’acquacoltura;
  • produzione primaria dei prodotti agricoli;
  • settore carboniero
  • le attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco (ATECO 2007, Sezione R divisione 92);
  • le attività di organizzazioni associative previste dall’ATECO 2007, Sezione S divisione 94.

Come vedi le agevolazioni per chi, come te, vuole avviare una nuova attività sono moltissime e… quelle della nostra guida sono solo alcune delle opportunità disponibili in questo momento in Italia.

Se vuoi partire con il tuo nuovo progetto, verifica prima di tutto quali sono le agevolazioni e i bandi che fanno al caso tuo!

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Hai trovato il nostro post interessante? Lasciaci un commento e condividi questa pagina con i tuoi amici!

>