Seleziona una pagina

Eccoci arrivati all’ultima puntata del bando Cultura Crea!

(Se vuoi fare un rapido ripasso degli articoli precedenti ti basterà cliccare qui:

Dai…un ultimo sforzo e potrai considerarti un esperto del bando Cultura Crea!

La terza e ultima linea di questo bando (Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale) ha come obiettivo il sostegno per lo sviluppo e il consolidamento di imprese e di altri soggetti del terzo settore nelle attività collegate alla gestione di beni, ai servizi e alle attività culturali, anche favorendo forme di gestione integrata.

Quanti paroloni… vediamo nel dettaglio di cosa si tratta!

nuove agevolazioni di Cultura Crea

Ottime notizie per te che vuoi fare impresa al Sud. In arrivo il nuovo bando Invitalia Cultura Crea a sostegno dell’industria culturale e turistica delle regioni del Sud Italia.

A chi si rivolge la terza linea del bando Cultura Crea?

Questa linea, che ha una dotazione finanziaria di 27 milioni di euro, si rivolge alle imprese – incluse le cooperative – e ad altri soggetti del terzo settore, in particolare:

  • ONLUS
  • e imprese sociali

che attuano programmi di investimento fino a 400.000 euro in una o più delle seguenti aree di intervento:

  • attività collegate alla gestione degli attrattori e delle risorse culturali del territorio
  • attività collegate alla fruizione degli attrattori e delle risorse culturali del territorio
  • attività di animazione e partecipazione culturale

e che operano nei Comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia inseriti nell’elenco delle aree di attrazione culturale.

Che tipo di agevolazione è concessa?

Le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e prevedono un contributo a fondo perduto fino all’80% della spesa ammessa, elevabile al 90% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.

Le spese ammissibili riguardano:

  • macchinari, impianti e attrezzature
  • programmi informatici, brevetti, licenze e marchi, certificazioni e know how.

Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda ed entro i 12 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Quando e come posso presentare la domanda?

Anche in questo caso, come per le altre linee del bando, la domanda può essere presentata solo online dalle ore 12.00 del 15 settembre 2016.
Il bando Cultura Crea è gestito da Invitalia, che valuta i business plan, eroga i finanziamenti e monitora la realizzazione dei progetti d’impresa.
Per questo la documentazione (ecco per te la check list della modulistica da consegnare!) deve essere redatta accuratamente.

La domanda deve contenere, oltre ai dati anagrafici e al profilo del proponente, il business plan completo di:

  • descrizione dell’attività proposta
  • analisi del mercato e relative strategie
  • aspetti tecnico-produttivi ed organizzativi
  • aspetti economico finanziari

Le domande saranno valutate secondo un ordine cronologico e l’iter prevede l’esame dei requisiti formali di accesso e l’esame di merito.

 

Ricorda, la qualità del business plan è fondamentale! Non esitare a contattarci se hai qualche dubbio!

Complimenti! Ora che hai letto tutti gli articoli sul bando Cultura Crea puoi ritenerti un esperto!

Ti sarai accorto di quante agevolazioni è possibile sfruttare se solo le conoscessi tutte…
Ma non preoccuparti! Il team di Trovabando è qui per te!

Registrati gratuitamente e scopri in tempo reale tutte le agevolazioni a cui la tua impresa può realmente partecipare!

Leggi anche La guida completa per partecipare al bando!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tu amico, faccelo sapere con un commentocondividilo sui social!

Alla prossima agevolazione!

>