Bravo Innovation Hub, 5 Acceleratori per realtà innovative

Bravo innovation hub

Condividi subito la news sui tuoi Social!

Bravo Innovation Hub è la rete di acceleratori d’impresa del Ministero delle Imprese e del Made in Italy -Mimit - e di Invitalia dedicato alle realtà più innovative. Gli Hub si trovano a Brindisi, Palermo e Cagliari e lavorano in sinergia con altri acceleratori, università e centri di ricerca.

Indice

Cos'è Bravo Innovation Hub

Bravo Innovation Hub, un programma acceleratore d’impresa creato da Invitalia, supporta le realtà imprenditoriali più innovative del Mezzogiorno.

Questo Hub opera a Brindisi, Palermo e Cagliari e agisce come acceleratore di start-up, offrendo una serie di servizi per favorirne la crescita e lo sviluppo. Questi servizi includono formazione, consulenza, spazi di lavoro, supporto finanziario e assistenza nell’accesso al credito.

Il programma, attivo da alcuni anni, è ora nella sua terza edizione ed è realizzato nell’ambito dell’Asse VI del PON IC 2014-2020-REACT EU. Attraverso il bando 2023, 50 start-up o imprese registrate nel Registro delle Imprese da non più di 60 mesi possono beneficiare di sostegno economico, consulenza, formazione e altri servizi per crescere e aumentare la loro competitività sul mercato.

Bravo Innovation Hub offre percorsi di accelerazione focalizzati su diverse aree tematiche per agevolare l’ingresso rapido delle nuove imprese sul mercato. Queste aree includono il turismo, la cultura, il benessere e la sostenibilità; le nuove energie, le tecnologie green e pulite; l’inclusione, l’impatto sociale e la salute; la mobilità sostenibile e le smart cities; e le tecnologie per la transizione 4.0.

Bravo Innovation Hub programmi

Invitalia ha aperto le procedure per l’accesso a cinque nuovi programmi di accelerazione per gli anni 2023 e 2024. Questi programmi sono rivolti alle piccole imprese innovative e saranno realizzati presso gli hub di Brindisi, Palermo e Cagliari. Di seguito sono elencati i programmi e alcuni esempi di progetti di interesse per ciascuno di essi:

  • Tecnologie per Transizione 4.0” a Brindisi: progetti di sistemi di produzione e prototipazione per aumentare l’efficienza dei processi, sistemi per la gestione e l’analisi dei dati prodotti dalle smart factory, sistemi di cybersecurity.
  • Turismo, Cultura, Wellness e Sostenibilità” a Brindisi: progetti per il turismo sostenibile, utilizzo di tecnologie abilitanti nel settore turistico e culturale, interventi per la rigenerazione urbana, progetti innovativi per il turismo enogastronomico, culturale e sportivo.”New Energy, Green e
  • “Tech” a Palermo: progetti per l’efficienza energetica, il monitoraggio dei consumi energetici, soluzioni per lo smaltimento e il riciclo, riduzione delle emissioni di CO2, progetti per l’edilizia eco-friendly.
  • Inclusione, Impatto Sociale e Salute” a Palermo: progetti per la trasformazione digitale dei servizi sanitari, telemedicina, digitalizzazione dei servizi per il benessere e l’inclusione sociale, promozione di uno stile di vita sano, servizi di welfare aziendale, soluzioni per l’istruzione inclusiva e l’accesso al lavoro per persone fragili
  • Mobilità Green e Smart Cities” a Cagliari: progetti per la mobilità sostenibile, intermodalità e servizi di mobilità urbana, miglioramento delle infrastrutture urbane, guida autonoma, monitoraggio urbano tramite IoT e piattaforme di analisi, digitalizzazione dei servizi pubblici e privati, gestione efficiente dei rifiuti e degli spazi verdi, accesso ai servizi pubblici in ottica smart cities.

 

I programmi di Bravo Innovation Hub offriranno supporto economico, consulenza, formazione e altri servizi alle start-up selezionate, e culmineranno in un Demo Day in cui le imprese potranno presentare i propri progetti agli investitori interessati a sostenerne la crescita.

Chi sono i beneficiari?

Le destinatarie dell’edizione 2023 del Bravo Innovation Hub sono 50 imprese in totale, 10 per ciascun programma di accelerazione. Ciascuna azienda, valutando i settori più affini alla propria attività, potrà presentare domanda per più di un percorso ma potrà partecipare a un solo programma. I requisiti di ammissibilità richiesti alle imprese ai fini della partecipazione a Bravo innovation Hub 2023 sono i seguenti:

  1. Essere iscritte al Registro Imprese da non più di 60 mesi dalla data di presentazione della domanda, in qualsiasi forma giuridica societaria.
  2. Rientrare nella definizione di impresa di piccola dimensione.
  3. Avere una sede operativa all’interno del territorio italiano.
  4. Non essere quotate in un mercato regolamentato o in una piattaforma multilaterale di negoziazione.
  5. Non aver distribuito ancora utili.
  6. Essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali.
  7. Essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente.
  8. Non essere costituite a seguito di fusione.
  9. Non essere state beneficiarie e successivamente non aver rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti individuati come illegali o incompatibili dalla Commissione europea.
  10. Non aver restituito agevolazioni oggetto di un ordine di recupero emanato dal Ministero, e non essere state destinatarie di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni pubbliche, ad eccezione di rinunce volontarie.
  11. Non rientrare nella definizione di imprese in difficoltà secondo l’articolo 2, punto 18 del Regolamento UE n. 651/2014.

Programmi e servizi offerti

I programmi di accelerazione offerti dal Bravo Innovation Hub avranno una durata compresa tra 10 e 12 settimane e si svolgeranno nel periodo tra settembre e dicembre 2023. Le aziende selezionate avranno accesso a una serie di servizi e attività, tra cui:

  • Un contributo finanziario di 20.000 euro, richiedibile dopo due settimane dall’inizio del programma e soggetto a verifiche legali.
  • Un percorso di assessment personalizzato per identificare i punti di forza e le aree di miglioramento dei progetti delle aziende.
  • 60 ore di mentoring, coaching e consulenza su nuove tecnologie, tecniche di comunicazione, marketing e raccolta fondi.
  • Un percorso formativo di 18 giornate su competenze imprenditoriali e tematiche rilevanti del settore.
  • Uno spazio di lavoro presso il Bravo Innovation Hub di riferimento.
  • Un benchmark day per ascoltare e confrontarsi con testimonial nazionali e internazionali, imprenditori, ricercatori ed esperti specializzati.
  • Iniziative di business matching e Open Innovation.
  • Un evento conclusivo chiamato Demo Day, in cui le aziende avranno l’opportunità di presentare i loro progetti a investitori nazionali e internazionali.

 

Questi servizi e attività mirano a supportare lo sviluppo e la crescita delle imprese partecipanti, offrendo loro l’opportunità di acquisire conoscenze, connessioni e risorse necessarie per avere successo nel mercato

Presentazione delle domande

Per partecipare ai programmi Bravo Innovation Hub, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  1. Leggere attentamente il Regolamento del programma di accelerazione desiderato, che sarà disponibile sul sito web di Invitalia.
  2. Compilare il Pitch di programma e la Dichiarazione riepilogative, che possono essere trovati nella sezione del sito web di Invitalia dedicata al Bravo Innovation Hub. Successivamente, fare clic su “Invia la domanda”.
  3. Accedere all’area riservata della piattaforma online di Invitalia, selezionare la misura BRAVO e compilare l’apposito modulo online. Durante la procedura, assicurarsi di allegare tutti i documenti richiesti.
  4. Per accedere all’area riservata e presentare la domanda, è necessario disporre di un’identità digitale (SPID, CNS, CIE), una firma digitale del legale rappresentante dell’impresa e un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Le domande per Bravo Innovation Hub possono essere presentate sul sito di Invitalia fino alle ore 16:00 del giorno 3 luglio 2023.

Si consiglia di prestare attenzione alle scadenze e di fornire tutte le informazioni e i documenti richiesti in modo accurato per aumentare le possibilità di essere selezionati per il programma di accelerazione.

 

 Concentrati solo sul tuo business, al tuo bando ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commento e condividilo sui social! Clicca sul pulsante in basso e scopri tutte le agevolazioni per la tua attività.

Erika Marrazzo

Customer Care and Data Quality
Laureanda in Economia e Management presso l’Università degli Studi Roma Tre con tesi sperimentale in Statistica per il Management. Grazie a numerosi progetti universitari ha maturato competenze in ambito marketing e comunicazione, lavora con Trovabando occupandosi di Customer Care and Data Quality.
  • In italia mancano iniziative di coordinamento, sopratutto tra L’uibm e le università. Tanti progetti, brevetti subiscono sciacallaggio o muoiono nel cassetto, quando invece potrebbero essere meta di approfondimento universitario come giusta collocazione per avere progresso e tecnologia, non è detto che tutto nascie dalla universita. Chi vi scrive è un soggetto di questi che rimangono custodi di brevetti industriali per qualche ragione non ha potuto …… ed è uno sviluppo ritardato per la socetà che si potrà riprendere dopo 20 anni. Non me ne voglia ma questo paragrafo potrebbe essere di suo interesse come obbiettivo futuro .Mario