Seleziona una pagina

15 Milioni di euro in contributi a fondo perduto, a valere su risorse PO FESR 2014/2020, per la nascita e lo sviluppo delle startup innovative campane

Scadenza presentazione domande fissata al 30 marzo 2018

E’ partito il 19 Giugno 2017 il nuovo bando della Regione Campania destinato alla nascita e allo sviluppo delle startup innovative in Campania. 

L’obiettivo del bando, che mette a disposizione contributi a fondo perduto per le startup campane, è quello di promuovere la competitività del sistema produttivo regionale attraverso lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi.

Il bando prevede che i progetti dovranno essere finalizzati allo sviluppo di soluzioni tecnologiche relativa alle aree di specializzazione regionali indicate nel documento RIS3 e che per semplicità trovi indicate di seguito.

Quali sono le aree di specializzazione della Regione Campania?

  • Aerospazio
  • Trasporti e logistica avanzata
  • Biotecnologie e salute dell’uomo
  • Tecnologie per i beni culturali, il turismo e l’edilizia sostenibile
  • Energia, ambiente, chimica verde
  • Materiali avanzati e nanotecnologie

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti del bando “Campania Startup Innovativa“.

Bando Campania startup innovativa

Il bando Campania Startup innovativa mette a disposizione delle agevolazioni a fondo perduto per le start up della Regione.

Chi può partecipare al bando?

  • startup innovative iscritte nella speciale sezione del Registro delle imprese e costituite da non più di 48 mesi dalla data dalla pubblicazione del bando;
  • persone fisiche che si impegnano a costituire una startup innovativa a seguito della ammissione al bando.

Quali e quante spese possono essere finanziate?

I programmi di investimento proposti dalle start up e dalle costituende dovranno essere compresi tra i € 50.000 e i € 500.000. 

Cosa potrai finanziare? Le spese ammesse al contributo sono diverse e comprendono:

A) investimenti materiali

opere murarie e assimilate comprese le spese di ristrutturazione ed impianti tecnologici;

macchinari, impianti specifici, attrezzature, arredi.

B) investimenti immateriali

acquisto di brevetti, altre forme di proprietà intellettuale, e consulenze brevettuali;

programmi informatici funzionali all’attività di impresa e spese di realizzazione di siti web.

C) Spese connesse all’acquisizione di servizi funzionali all’avvio e allo sviluppo del progetto 

studio di fattibilità;

servizi di consulenza in materia di innovazione;

servizi di sostegno all’innovazione;

servizi di sostegno alla penetrazione del mercato.

D) Spese di gestione

nuovo personale altamente qualificato;

affitto dei locali della sede operativa nella quale viene realizzato il progetto di impresa;

servizi di incubazione e di accelerazione di impresa;

spese di promozione e commercializzazione (progettazione, stampa del materiale commerciale e pubblicitario, web marketing, social media marketing, advertising).

Quali documenti dovrai presentare per partecipare?

La documentazione richiesta dal bando è abbastanza corposa e comprende:

  • Domanda di partecipazione da compilare online
  • Dichiarazione dati camerali dell’impresa
  • Dichiarazione dimensione d’impresa
  • Dichiarazione requisiti potenziale di innovazione & cantierabilità
  • Piano di impresa
  • Dichiarazione Certificazione antimafia
  • Dichiarazione Aiuti incompatibili

Come si presenta la domanda?

La Domanda di partecipazione deve essere compilata e presentata online insieme a tutti gli allegati illustrati sopra, attraverso lo sportello telematico raggiungibile da  www.regione.campania.it e www.innovazione.regione.campania.it

 

Vuoi partecipare a questo bando ma non sai da dove cominciare per la redazione del tuo progetto?

Contattaci e saremo lieti di aiutarti!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commentocondividilo sui social!

>