La Regione Marche a sostegno del Made in Italy

agevolazioni-moda-regione-marche

Condividi subito la news sui tuoi Social!

Cerchi un contributo a fondo perduto per finanziare progetti di Innovazione nell’ambito della moda oppure del legno e del mobile? Se ti occupi di tessile, pellame, cuoio, calzature, abbigliamento o accessori oppure operi nel comparto del mobile legno nelle Marche questo è il bando per te!

Indice

Avviso agevolazioni moda Regione Marche: il bando è scaduto il 23 maggio 2016. Se vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità della finanza agevolata clicca qui!

Moda e comparto legno e mobile in pole position grazie al nuovo bando per la realizzazione e commercializzazione di collezioni innovative nei settori del Made in Italy.

Cerchi un contributo a fondo perduto per finanziare progetti di Innovazione nell’ambito della moda oppure del legno e del mobile? Se ti occupi di tessile, pellame, cuoio, calzature, abbigliamento o accessori oppure operi nel comparto del mobile legno nelle Marche questo è il bando per te!

La regione Marche, nell’ambito del Por Fesr Marche “competitività” 2014-2020 mette a disposizione 12 milioni di euro in contributi a fondo perduto per incentivare progetti di innovazione diretti all’ideazione, allo sviluppo e alla commercializzazione di nuove collezioni di prodotti nei settori del Made in Italy.

Ma cosa si intende per innovazione?

Per innovazione si intende l’insieme delle attività volte all’implementazione e all’introduzione di un prodotto, di un processo, di un servizio o di una soluzione che siano nuovi o significativamente migliorati rispetto agli attuali, nonché di nuovi metodi di marketing o di nuovi metodi organizzativi con riferimento alle pratiche commerciali, ai luoghi di lavoro o alle relazioni esterne.

L’innovazione può consistere nell’implementazione di una singola trasformazione significativa oppure di una serie di modifiche minori e progressive che vanno a costituire, considerate nel loro insieme, un miglioramento significativo.

L’innovazione può scaturire dall’utilizzo di nuove conoscenze o tecnologie o può essere basata su nuovi usi o su combinazioni di conoscenze e tecnologie già esistenti e può consistere nell’implementazione di una serie di attività innovative o derivare dall’introduzione di altre forme di innovatività, tra cui:

  • ricerca e sviluppo (R&S) svolta all’interno dell’impresa oppure acquisizione dall’esterno di servizi di R&S, di strumentazione o di tecnologie innovative;
  • progettazione industriale e studio delle caratteristiche estetiche di un prodotto (design) oppure realizzazione fisica del prodotto con tecnologie innovative (manufacturing);
  • marketing dei nuovi prodotti, apertura di nuovi mercati o strategie d’impresa;
  • ricombinazione in modo intelligente di conoscenza esistente;
  • nuove forme organizzative;
  • applicazione di prodotti esistenti ad un nuovo tipo di domanda.

Per chi è questo bando?

Il bando è rivolto a Micro, piccole e medie imprese in forma singola o associata come ATS, ATI, Reti di imprese senza personalità giuridica, Reti di imprese con personalità giuridica oppure costituite anche in Consorzi. I raggruppamenti di imprese sono ammissibili solo se costituiti da almeno tre micro o PMI con unità operativa all’interno del territorio regionale.

Le imprese dovranno appartenere al comparto della moda (tessile, abbigliamento, pelli, cuoio e calzature, accessori per l’abbigliamento quali cappelli e berretti) e al comparto del legno e mobile.

Qual è l'importo del contributo?

Il costo complessivo agevolabile per la realizzazione del progetto dovrà essere compreso tra un minimo di € 50.000 ad un massimo di € 200.000 per il comparto della moda e € 300.000 per il comparto del legno e mobile. Che cosa significa? Che la tua impresa potrà richiedere il contributo per spese che sosterrai per la realizzazione del progetto innovativo con un valore minimo di € 50.000.

Dove devono essere realizzati gli investimenti?

Gli investimenti dovranno essere realizzati in unità locali situate nel territorio delle Marche.

E se la mia azienda non ha una sede operativa sul territorio marchigiano?

Niente paura, qualora all’atto della presentazione della domanda la tua impresa non abbia un’unità operativa sul territorio della Regione Marche, potrà procedere all’apertura della sede comunicandolo alla amministrazione regionale entro la data della prima erogazione dell’agevolazione.

Mi raccomando, ricordati che:

Le imprese richiedenti il contributo dovranno dichiarare che non hanno attivato progetti di delocalizzazione in un altro Stato membro dell’Unione Europea o Paese extra UE e che si impegnano a privilegiare, nel caso di subforniture per la propria filiera, lavorazioni esclusivamente “made in Italy”.

Quanto tempo resta per partecipare al bando?

La domanda di partecipazione dovrà essere compilata on line, utilizzando la piattaforma Sigfrido, entro le ore 13:00 del 17/05/2016 e trasmessa tramite P.E.C. entro le ore 23.59 del 23/05/2016.

Ti piacerebbe sapere se la tua impresa è realmente ammissibile a partecipare a questo o ad altri bandi?

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Trovabando

Articoli correlati