Bando Fiere Emilia Romagna: progetti di promozione dell’export e fiere

bando fiere emilia romagna

Condividi subito la news sui tuoi Social!

Il bando fiere Emilia Romagna supporta la partecipazione a fiere internazionali (sia in presenza che virtuali) e la partecipazione a incontri d’affari (B2B) o eventi di promozione collettivi e di livello internazionale organizzati in formato digitale o in presenza da organizzatori con comprovata esperienza in ambito internazionale.

Indice

Bando progetti di promozione e fiere Emilia Romagna

Con il bando fiere Emilia Romagna,  si vogliono promuovere le piccole e medie imprese locali e la loro diversificazione di mercato, attraverso l’emissione di un bando per il sostegno a progetti di promozione dell’export e partecipazione ad eventi fieristici nel 2023. 

L’obiettivo di questo provvedimento è di agevolare l’accesso delle imprese ai mercati esteri, aprendo nuovi canali di vendita e rinforzando la funzione del commercio estero all’interno delle aziende.

L’iniziativa non solo promuoverà la crescita economica delle imprese e delle regioni coinvolte, ma creerà anche nuovi posti di lavoro e fornirà un contributo importante all’economia locale. Inoltre, questo progetto rappresenta un’opportunità per le imprese emiliano-romagnole di acquisire una maggiore conoscenza e comprensione dei mercati esteri e delle loro esigenze, migliorando la loro capacità di competere globalmente.

Per finanziare i progetti approvati sono stati stanziati € 7.000.000 per l’annualità 2023

Chi sono i beneficiari del bando?

I beneficiari del bando fiere Emilia Romagna sono le imprese di micro, piccola e media dimensione e soggetti giuridici iscritti al Repertorio economico amministrativo (REA), aventi sede legale o unità operativa in Emilia-Romagna.

I codici ATECO ammissibili primari o secondari sono:

  • C, D, E, F, G codice 47.78.31; 
  • J, M, N (divisione 82), Q, R, S codici 94.00.0; 94.99.00; 94.99.20.


Il bando fiere Emilia Romagna prevede la partecipazione anche da parte di soggetti che non hanno sede legale o unità operativa in Emilia-Romagna, purché si impegnino ad aprire l’unità operativa sul territorio regionale dopo la concessione del contributo. L’apertura deve avvenire entro 3 mesi dalla data di adozione dell’atto di concessione del contributo e sarà verificata in fase di rendicontazione del progetto. La mancata apertura comporterà la revoca totale del contributo concesso.

Quali sono i progetti e le spese ammissibili?

I progetti ammissibili del bando fiere Emilia Romagna riguardano progetti per la partecipazione a una o più fiere internazionali svolte in paesi esteri o in Italia purché con qualifica internazionale. Le fiere possono essere sia in presenza, sia digitalizzate (fiere virtuali con partecipazione da remoto).

È ammessa anche l’adesione a incontri d’affari (B2B) o eventi di promozione collettivi e di livello internazionale, organizzati da soggetti terzi con comprovata esperienza in ambito internazionale, in presenza o in formato virtuale.

Gli interventi previsti dal bando firere Emilia Romagna devono essere eseguiti nell’arco del 2023 e riguardare esclusivamente l’unità produttiva/sede operativa del richiedente nella regione Emilia Romagna. Non sono ammissibili le attività che riguardano delocalizzazioni o trasferimenti di attività produttive provenienti da altri Stati membri o regioni italiane.

L’investimento complessivo per la realizzazione degli interventi proposti dal bando fiere Emilia Romagna deve essere di almeno €10.000 (IVA esclusa), mentre per i soggetti del settore cinematografico, culturale e musicale il minimo è di €5.000 (IVA esclusa). Al termine del progetto, le spese ammissibili devono essere pari ad almeno il 50% del costo originariamente approvato, pena la revoca del contributo.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa per le Fiere internazionali in presenza:

  • Affitto spazi;
  • Noleggio allestimento (incluse le spese di progettazione degli stand;
  • Gestione spazi;
  • Trasporto merci in esposizione e assicurazione delle stesse;
  • Ingaggio di hostess/interpreti.

 

Per le Fiere Virtuali sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • Iscrizione alla fiera e ai relativi servizi;
  • Consulenze in campo digital;
  • Hosting;
  • Produzione di contenuti digitali;
  • Accordi onerosi con media partners;
  • Spese di spedizione dei campionari.

 

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa per B2B ed eventi:

  • Adesione da parte del beneficiario del contributo a eventi promozionali;
  • Incontri di affari.

 

Le voci di spesa ammissibili per B2B ed eventi sono le medesime elencate per le fiere internazionali. Per alcuni settori di attività sono previste ulteriori spese ammissibili.

 

A quanto ammonta il contributo?

Il contributo regionale del bando fiere Emilia Romagna sarà concesso a fondo perduto nella misura del 70% delle spese ritenute ammissibili, per un importo non superiore a euro 25.000.

L’importo del contributo può essere incrementato del 5%  nei casi in cui:

  • Si tratta di un’impresa a prevalente partecipazione femminile e/o giovanile;
  • Le sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, sono ubicate in zone montane;
  • Le sedi operative/unità locali oggetto di intervento sono ubicate nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale;
  • Le sedi operative/unità locali oggetto di intervento sono ubicate , nelle aree interne dell’Emilia-Romagna;
  • Il fatturato annuo è pari o maggiore a 2 mln di €.

Quando è possibile presentare la domanda?

La domanda di contributo per il bando fiere Emilia Romagna dovrà essere compilata ed inviata tramite l‘applicazione web Sfinge 2020 a partire dalle ore 12.00 del 16 marzo 2023 fino alle ore 16.00 del 18 aprile 2023.
Ogni soggetto può presentare una sola domanda.

Concentrati solo sul tuo business, al tuo bando ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commento e condividilo sui social! Clicca sul pulsante in basso e scopri tutte le agevolazioni per la tua attività.

Erika Marrazzo

Customer Care and Data Quality
Laureanda in Economia e Management presso l’Università degli Studi Roma Tre con tesi sperimentale in Statistica per il Management. Grazie a numerosi progetti universitari ha maturato competenze in ambito marketing e comunicazione, lavora con Trovabando occupandosi di Customer Care and Data Quality.

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter gratuita 

Sul nostro blog potrai scoprire tutte le nuove agevolazioni nazionali ed europee e sapere quali possono essere più utili per i tuoi progetti (assunzione personale, acquisto macchinari, export e così via).

>

Webinar Gratuito
Mercoledì 4 Ottobre, ore 14:30
Iscriviti gratis cliccando qui