Adeguamento del registratore di cassa telematico: il credito d’imposta

adeguamento-del registratore-di-cassa-telematico

Condividi subito la news sui tuoi Social!

Il nuovo obbligo di adeguamento dei registratori di cassa ha portato un certo scompiglio nel mondo degli esercizi commerciali. Facciamo chiarezza e vediamo come funziona il credito d’imposta offerto dall’Agenzia delle Entrate.

Indice

Nuova normativa registratore di cassa fiscale

Il nuovo obbligo di adeguamento del registratore di cassa telematico per gli esercizi commerciali. Scopri come funziona il credito d’imposta. ha portato un certo scompiglio nel mondo degli esercizi commerciali… Vediamo di fare un po’ di chiarezza!

Dal 1° gennaio 2020 tutti gli esercizi commerciali (artigiani e commercianti) dovranno avere una cassa telematica che consenta la memorizzazione elettronica e l’invio telematico dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate. Per gli esercenti con volume d’affari superiore a 400.000 euro, l’obbligo è anticipato addirittura al 1° luglio 2019.

La buona notizia è che la normativa, per l’obbligo di adeguamento del registratore di cassa telematico per gli esercizi commerciali, ha previsto anche un contributo per le spese sostenute per l’acquisto di un nuovo misuratore fiscale o per adattarne uno vecchio.

Il contributo per l’obbligo di adeguamento del registratore di cassa telematico per gli esercizi commerciali, permette di ricevere un  pari al 50% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 250 euro in caso di acquisto di un nuovo apparecchio e un massimo di 50 euro in caso di adeguamento di un registratore di cassa già posseduto.

Il credito d’imposta potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione, facendo ricorso al modello F24 e utilizzando l’apposito codice tributo 6899, comunicato dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 33/E del 1° marzo 2019.

In realtà, in un primo momento, si era previsto che il contributo venisse anticipato direttamente dal fornitore del bene, sotto forma di sconto diretto sull’acquisto. Certo, forse sarebbe stato più comodo (tranne che per il fornitore, in effetti…), ma allo stato attuale dei fatti, la Legge di Bilancio 2019 ha stabilito che il credito sarà riconosciuto al contribuente che sosterrà le spese per l’adeguamento.

Sono valide le spese sostenute nel 2019 e nel 2020.

Come beneficiare del credito d'imposta per adeguamento del registratore di cassa telematico per gli esercizi commerciali

A partire dalla prima liquidazione periodica dell’IVA, successiva al mese in cui è stata registrata la fattura di acquisto o dell’intervento di adeguamento, sarà già possibile iniziare a utilizzare il credito, indicandolo nella dichiarazione dei redditi del periodo d’imposta in cui si è sostenuta la spesa e in quelle successive, finché il credito non sia esaurito.

Quindi, visto che comunque bisognerà attenersi all’ obbligo di adeguamento del registratore di cassa telematico per gli esercizi commerciali, che aspetti? Tanto vale farlo risparmiando grazie a questo contributo statale!

Vuoi conoscere altri contributi e agevolazioni disponibili per la tua impresa? Scopri Trovabando!

Concentrati sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commento condividilo sui social!

Simona Lucchetti

Laureata con lode presso l’Università La Sapienza, ha acquisito esperienze e competenze in vari settori prima di approdare a Trovabando. Collabora con Trovabando da diversi anni occupandosi principalmente di elaborare e implementare strategie commerciali. È impegnata, inoltre, nella realizzazione della documentazione progettuale connessa alle agevolazioni pubbliche e fondi indiretti

Articoli correlati

Mail sent