[Bando Creatività 2020] Un contributo a fondo perduto per le industrie creative e digitali del Lazio

bando-creativita-2020-un-contributo-a-fondo-perduto-di-e9-2-milioni-per-le-industrie-creative-e-digitali-del-lazio

Condividi subito la news sui tuoi Social!

Scopri tutti i dettagli del nuovo bando della Regione Lazio Creatività 2020: contributi a fondo perduto per le imprese, i liberi professionisti e gli organismi di ricerca e di diffusione della conoscenza del Lazio operanti nell’ambito delle industrie creative e digitali.

Indice

Avviso: il bando Creatività 2020 è stato chiuso il 9 gennaio 2018. Nel frattempo non perderti le ultime novità sulla finanza agevolata, clicca qui !

Ottime notizie per le imprese e gli organismi di diffusione della conoscenza della regione Lazio, che operano nell’ambito delle industrie creative e digitali. E’ fissata per il 26 Settembre 2017 l’apertura del bando Creatività 2020, un contributo a fondo perduto con una dotazione finanziaria di oltre € 9.2 Milioni di euro.

Quali sono i beneficiari del bando?

  • Micro, piccole, medie imprese (PMI) e liberi professionisti;
  • Grandi Imprese;
  • Organismi di ricerca e diffusione della conoscenza;
  • Aggregazioni temporanee di imprese (ATI).

Attenzione: per partecipare al bando, i beneficiari devono avere una sede operativa nel territorio del Lazio.

Quali progetti sono agevolati dal bando Creatività 2020?

Gli ambiti di operatività del bando si suddividono in due macro aree:

1. Sviluppo, produzione e distribuzione cross-mediale, post-produzione digitale, spettacolo digitale e dal vivo

In particolare con riferimento a:

  • Produzione, post-produzione e disseminazione nel campo dell’audiovisivo;
  • Sviluppo e adozione di tecnologie digitali applicate al mondo dell’audiovisivo, dello spettacolo dal vivo e di nuove forme di intrattenimento, nelle fasi di pre-produzione, produzione, post-produzione, effetti speciali e distribuzione;
  • Sviluppo e adozione di applicazioni e servizi digitali in grado di implementare canali di collaborazione e condivisione dei diversi business in modo da collegare contenuti audiovisivi ai bisogni dei diversi mercati (ad esempio per lo sviluppo di componenti software, gaming, apparecchi mobili, etc.);
  • Utilizzo e sviluppo di tecnologie digitali per il restauro e la tutela del patrimonio culturale immateriale (audiovisivo), per consentirne nuove modalità di valorizzazione e fruizione.

2. Sviluppo di applicazioni digitali, sia come prodotto che come servizio

In particolare con riferimento a:

  • Servizi digitali per medicina, salute e benessere personale, con particolare riferimento a servizi digitali integrati, sostenibili e incentrati sul benessere della persona (citizen centered care) e a sistemi per la fornitura, l’analisi e il trattamento delle immagini mediche in un’ottica di improving health information finalizzate alla realizzazione di supporti clinici decisionali per la diagnosi e la terapia;
  • Nuove modalità di fruizione (on-board & public media) che colleghino progettualità e contenuti ai bisogni di nuovi mercati (ad es. accesso mediante mobile o public devices, anche per i turisti), migliorandone l’accessibilità (connettività e appropriatezza), l’affidabilità, la sicurezza e quindi il valore percepito.

bando-creativita-2020-un-contributo-a-fondo-perduto-di-e9-2-milioni-per-le-industrie-creative-e-digitali-del-lazio
Scopri tutto sul nuovo bando Creatività 2020, €9.2 Milioni a fondo perduto per PMI, liberi professionisti, grandi imprese, ATI e organismi di ricerca e diffusione della conoscenza del Lazio

I progetti potranno essere presentati al bando Creatività 2020 sia come “progetti semplici” che come “progetti complessi“. Vediamo insieme quali sono le principali differenze.

Progetti semplici

I progetti semplici possono essere presentati da PMI, e dovranno essere realizzati entro 12 mesi dalla data di concessione del contributo a fondo perduto. Per i progetti semplici, l’importo complessivo delle spese ammesse al contributo deve essere compreso tra i € 50.000 ed i € 500.000.

Progetti integrati

Possono essere presentati da singole imprese (per imprese si fa riferimento a MPMI, liberi professionisti e grandi imprese), da imprese in collaborazione con un organismo di diffusione della conoscenza, o da aggregazioni temporanee di imprese (ATI). I Progetti integrati dovranno essere realizzati entro 18 mesi dalla data di concessione della sovvenzione, e l’importo complessivo delle spese ammissibili deve essere compreso tra 500 mila euro e €3 Milioni.

Come verranno valutati i progetti?

Il contributo sarà concesso del contributo sulla base di procedura valutativa a sportello. I progetti verranno giudicati in base ad una griglia di valutazione ben precisa che terrà conto dei seguenti aspetti:

  1. validità tecnica e fattibilità del progetto;
  2. validità economico-finanziaria del progetto;
  3. impatto del progetto su:
    • mercato di riferimento nell’ottica di un miglioramento delle condizioni occupazionali;
    • filiera di riferimento, in termini di diversificazione produttiva e di mercato;
    • sostenibilità ambientale e miglioramento delle performance ambientali della filiera o del settore.

Quando è possibile presentare la domanda per il Bando Creatività 2020?

A partire dalle ore 12 del 26 settembre 2017 i richiedenti potranno accedere al portale GeCoWEB e compilare online il formulario per il bando Creatività 2020. La domanda generata dal sistema dovrà essere poi inviata via Pec con le seguenti tempistiche:

  • Progetti Semplici – a partire dalle ore 12 del 10 ottobre 2017 e fino alle ore 12 del 12 dicembre 2017
  • Progetti Integrati – a partire dalle ore 12 del 24 ottobre 2017 e fino alle ore 12 del 9 gennaio 2018 

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commento e condividilo sui social!

Trovabando

Articoli correlati