bando nuova impresa lombardia

Condividi subito la news sui tuoi Social!

L'avvio di nuove imprese e autoimprenditorialità sono gli obiettivi del bando Nuova impresa Lombardia edizione 2023. Attraverso lo strumento del contributo a fondo perduto, è possibile sostenere i costi connessi alla creazione delle nuove imprese. Scopri i dettagli nel nostro articolo!

Indice

Cos'è il bando nuova impresa?

Anche quest’anno Unioncamere Lombardia vuole sostenere l’autoimprenditorialità attraverso l’emanazione del Bando Nuova Impresa.

L’obiettivo del bando, in continuità con le precedenti edizioni, è quello di erogare un contributo a fondo perduto, per sostenere le spese connesse alla creazione delle nuove imprese.

Il target di riferimento sono le MPMI e i lavoratori autonomi con partita IVA individuale, i quali potranno presentare domanda di agevolazione fino al 28 marzo 2024.

In cosa consiste l'agevolazione?

Il bando nuova impresa prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ritenuta ammissibile nel limite massimo di €10.000.

La dotazione finanziaria è pari a € 2.100.300,00.

I progetti dovranno prevedere un investimento minimo di 3.000 euro. Ogni impresa o professionista (come indentificati dal codice fiscale) può presentare per il bando nuova impresa una sola domanda di agevolazione. L’agevolazione è concessa a fronte di un budget di spesa composto da spese in conto capitale e spese di parte corrente, con un minimo di spese in conto capitale pari al 50% del totale.

Possono essere presentate anche domande di contributo che prevedano esclusivamente spese in conto capitale.

bando nuova impresa lombardia
Bando Nuova Impresa Lombardia 2023

Chi sono i beneficiari?

Il bando nuova impresa si rivolge a due tipologie di soggetti di seguito meglio specificati:

  • MPMI che hanno aperto una nuova impresa (sede legale e operativa) in Lombardia,
    a decorrere dal 1° gennaio 2023 e fino al 31 dicembre 2023 e che sono in regola con
    l’iscrizione al Registro delle imprese e risultano attive. L’impresa deve essere iscritta e attiva
    a decorrere dal 1° gennaio 2023 e con partita IVA attribuita nel termine massimo di dodici
    mesi precedenti all’iscrizione al Registro delle Imprese Non si considera nuova impresa l’attivazione di una nuova
    sede operativa sul territorio lombardo da parte di imprese già esistenti;
  • Lavoratori autonomi con partita iva individuale non iscritti al Registro delle Imprese e che hanno la partita IVA attribuita dall’Agenzia delle Entrate attiva a decorrere dal 1° gennaio 2023 ed entro il 31 dicembre 2023 e che hanno il domicilio fiscale in Lombardia.
 

Indipendentemente dal codice ATECO, il bando nuova impresa individua fra i soggetti beneficiari anchele nuove imprese iscritte all’Albo delle imprese agromeccaniche di Regione Lombardia.

Sono escluse le MPMI e i lavoratori autonomi che abbiano codice Ateco primario o prevalente, risultante dalla visura camerale ovvero dall’Anagrafe Tributaria, ricompreso nella sezione A (Agricoltura, silvicoltura e pesca) e K (Attività finanziarie ed assicurative) della classificazione Ateco 2007 e altresì quelli che svolgono attività primaria o prevalente di cui ai seguenti codici ATECO:

  • 47.78.94 commercio al dettaglio di articoli per adulti (sexy shop);
  • 92.00 attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco;
  • 92.00.02 gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a
    gettone;
  • 92.00.09 altre attività connesse con le lotterie e le scommesse;
  • 96.04.1 servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali).

In attuazione della l.r. 8/2013 sono escluse dal bando nuova impresa coloro i quali detengono a qualsiasi titolo apparecchi per il gioco d’azzardo lecito.

Il bando nuova impresa  non ammette fra i soggetti beneficiari coloro i quali sono in rapporto di collegamento, controllo e/o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti.

Quali sono le spese ammissibili?

Il bando nuova impresa prevede due categorie di spesa. 

1) Spesa in conto capitale:

  • Acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi, incluse le spese per il
    montaggio/trasporto/manodopera e realizzazione di strutture, anche in muratura,
    strettamente collegate. Le spese devono riguardare esclusivamente beni durevoli, non di
    consumo e strettamente funzionali all’attività svolta (non sono ammessi gli autoveicoli);
  • Acquisto di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e saas e simili, brevetti e licenze d’uso sulla proprietà intellettuale, nella misura massima del 60% della spesa totale di progetto;
  • Acquisto di hardware (sono escluse le spese per smartphone e cellulari);
  • Registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e per le certificazioni di qualità.

 

2) Spesa in conto corrente:

  • Onorari notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa (al netto di tasse, imposte, diritti e
    bolli anticipate dal notaio/consulente);
  • Onorari per prestazioni e consulenze relative all’avvio d’impresa
  • Contabilità e fiscalità;
  • Spese relative alle consulenze specialistiche legate alla registrazione allo sviluppo di marchi e brevetti, nonché per le certificazioni di qualità di cui alla relativa voce di spesa in conto capitale;
  • Canoni di locazione della sede legale e operativa della nuova impresa;
  • Sviluppo di un piano di comunicazione (progettazione del logo aziendale, progettazione e
    realizzazione sito internet, registrazione del dominio, progettazione piano di lancio dell’attività) e strumenti di comunicazione e promozione (es. messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google Ads, spese per materiali
    pubblicitari, etc).
  • Spese generali riconosciute in maniera forfettaria nella misura del 7%

Come e quando è possibile presentare la domanda di agevolazione?

Le domande di partecipazione per il bando nuova impresa devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it dalle ore 14.00 del 27 Aprile 2023 fino alle ore 12.00 del 28 Marzo 2024. Le istruzioni per profilarsi e compilare la domanda sono disponibili sul sito www.unioncamerelombardia.it nell’apposita sezione “Bandi e contributi alle imprese”.

Se vuoi partire con il tuo nuovo progetto, verifica prima di tutto quali sono le agevolazioni e i bandi che fanno al caso tuo!

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Hai trovato il nostro post interessante? Lasciaci un commento e condividi questa pagina con i tuoi amici!

Erika Marrazzo

Customer Care and Data Quality
Laureanda in Economia e Management presso l’Università degli Studi Roma Tre con tesi sperimentale in Statistica per il Management. Grazie a numerosi progetti universitari ha maturato competenze in ambito marketing e comunicazione, lavora con Trovabando occupandosi di Customer Care and Data Quality.

Articoli correlati