Seleziona una pagina

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) è uno dei fondi strutturali dell’Unione Europea. E’ lo strumento principale della sua politica regionale ed è gestito dal commissario europeo per la politica regionale. L’obiettivo principale consiste nel consolidare la coesione economica e sociale dell’Unione europea correggendo gli squilibri fra le regioni.

Per il periodo 2014-2020 ha ricevuto una dotazione di 185 miliardi di euro.

Le risorse FESR stanziate a favore di tali priorità dipendono dalla categoria di regione:

  • nelle regioni più sviluppate almeno l’80% dei fondi deve concentrarsi su almeno due priorità;
  • nelle regioni in transizione la concentrazione concerne il 60% dei fondi;
  • nelle regioni in ritardo di sviluppo la concentrazione concerne il 50% dei fondi.

Nell’ambito dei compiti indicati il FESR partecipa al finanziamento di:

  1. investimenti produttivi che permettono di creare o salvaguardare posti di lavoro durevoli; in questi casi può partecipare al finanziamento di investimenti per l’istruzione e la sanità che contribuiscano all’adeguamento strutturale di dette regioni;
  2. investimenti nel settore delle infrastrutture, come il progetto URBACT;
  3. sviluppo del potenziale endogeno attraverso misure di animazione e di sostegno alle iniziative per lo sviluppo locale e l’occupazione nonché alle attività delle piccole e medie imprese (PMI);
  4. le misure di assistenza tecnica.
>