Fare Lazio: finanziamenti a tasso zero per PMI e liberi professionisti

Finanziamenti a tasso zero Lazio

Fare Lazio: finanziamenti a tasso zero per PMI e liberi professionisti

POR FESR Lazio 2014-2020: “Fondo Rotativo per il piccolo credito”

Aggiornamento del 21 settembre 2018

Ottime notizie per le imprese e i liberi professionisti del Lazio. Sono state introdotte delle importanti novità sul Fondo Rotativo più importante della regione.

Si è provveduto ad inserire delle semplificazioni ed è stata attivata la riserva da 2 milioni di Euro destinata alle Botteghe storiche, ossia quelle con almeno 50 anni di attività.

Tra le botteghe storiche sono incluse attività che possono avere le seguenti caratteristiche:

  • collocate in immobili di particolare valore storico-artistico e architettonico;
  • artigianali, di lavorazione manuale, non seriale, e di creazione di opere di artigianato artistico;
  • commerciali, di somministrazione, artigianato o miste, compresi cinema, teatri, e librerie.

Sono però escluse le attività in franchising.

Inoltre, per rispondere al meglio alle reali esigenze delle imprese, è stato prolungato il periodo di ammortamento del finanziamento rispetto a quanto proposto in origine, passando da 3 a 5 anni.

Ti ricordo che, con il Fondo Rotativo per il Piccolo Credito, la Regione Lazio mette a disposizione oltre 39 Milioni di Euro a beneficio di Piccole e Medie Imprese, compresi i liberi professionisti, i consorzi e le reti di imprese.

Il bando rappresenta un’occasione di finanziamento a tasso zero per tutti coloro che operano nel Lazio da almeno 36 mesi, e con un fabbisogno finanziario compreso tra i 10.000 e i 50.000 Euro.

A chi è rivolto il bando?

  1. Piccole e Medie Imprese (PMI)
  2. Liberi professionisti e titolari di partita iva
  3. Consorzi e Reti di Imprese

con le seguenti caratteristiche:

  • costituite da almeno 36 mesi dalla data di presentazione della domanda di partecipazione al bando;
  • con una sede operativa nel Lazio;
  • con una esposizione con il sistema bancario inferiore a € 100.000. 

Esposizione con il sistema bancario: crediti per cassa a scadenza

Con riferimento a quest’ultimo punto, ovvero alla esposizione che la società o il professionista ha già in essere con il sistema bancario, l’avviso pubblico fa riferimento ai crediti per cassa a scadenza che sono rilevabili dalla Centrale Rischi

Ti stai chiedendo cosa significa la dizione “Crediti per cassa a scadenza“? Dammi 5 minuti del tuo tempo per fare un breve ripasso di questa “tecnica bancaria”. Niente di complesso, promesso!

Con la dizione crediti per cassa indichiamo i classici finanziamenti che le banche concedono ai propri clienti mentre, con la denominazione “a scadenza“,  indichiamo finanziamenti che hanno una scadenza prefissata già al momento della firma del contratto. Ne sono un esempio i mutui e le operazioni di leasing.

Requisito fondamentale per la richiesta di agevolazione è quello di non aver subito, nell’ultimo anno, la revoca per inadempimento di finanziamenti o affidamenti bancari, e non essere stato oggetto di protesti o pregiudizievoli di conservatoria.

Sottosezioni del fondo e settori finanziati

Il Fondo è suddiviso in 4 sezioni che prevedono differenti tipologie e percentuali di spese finanziabili in base allo specifico settore di attività.

Il bando, inoltre, prevede riserve specifiche per le botteghe storiche, i piccoli negozi al dettaglio, le attività di ristorazione, le imprese artigiane, il  trasporto non di linea nonché risorse specifiche per finanziare gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica come quelli descritti nell’allegato disponibile a questo link.

Finanziamenti a tasso zero Lazio, Fondo rotativo

Fondo Rotativo per il Piccolo Credito Regione Lazio: finanziamenti a tasso zero per le PMI laziali.

Quali sono le spese finanziabili con il Fondo Rotativo per il piccolo credito?

Ogni sezione del Fondo prevede spese finanziabili specifiche, con soglie ben precise.

Dunque mi raccomando: controlla con attenzione qual è la sezione del Fondo più corretta per il tuo progetto, per comprendere pienamente quali spese potrai finanziare, e in quale precisa percentuale.

In linea generale però il Fondo finanzia le seguenti spese:

  • Attivi materiali e immateriali
    • acquisto di terreni
    • acquisto di macchinari, attrezzature, strumenti e sistemi nuovi di fabbrica, dispositivi, software e applicativi digitali
    • acquisizione di brevetti, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale, inclusi i costi per la convalida e la difesa degli attivi immateriali.
  • Spese per investimenti materiali e immateriali finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese
  • Veicoli a trazione elettrica o ibrida (per i soli titolari di licenza taxi rilasciata da un Comune della Regione Lazio.)
  • Spese di consulenza
    • servizi di consulenza specialistica prestati da soggetti esterni;
    • studi di fattibilità.
  • Capitale circolante

Qual è il contributo massimo per ogni progetto?

L’agevolazione prevista dal Fondo rotativo per il piccolo credito della Regione Lazio consiste in un finanziamento a tasso zero con un importo compreso tra i € 10.000 ed i € 50.000.

Il finanziamento deve essere compreso tra 3 e 5 anni, con un periodo di preammortamento massimo di 12 mesi, mentre il rimborso dovrà avvenire mensilmente a rata costante posticipata.

Come e quando è possibile presentare la domanda?

Le richieste di accesso all’agevolazione possono essere presentate esclusivamente on-line sul portale FareLazio a partire dal 21 settembre 2018 (la prima edizione del fondo era stata attivata il 10 luglio 2017).

 

Concentrati sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commentocondividilo sui social!

Condividi questo post

Comments (6)

  • Luigi Marrocco rispondere

    Salove a tutti,
    scrivo per conto di un’azienda che lavora nel settore dell’efficientamento energetico.
    Volevamo sapere se si puo avere una brochure su questo fondo. e magari anche un esempio pratico per un impianto fotovoltaico.
    Grazie
    Saluti

    30 luglio 2018 a 12:55
    • Trovabando rispondere

      Ciao Luigi,
      scrivici qualche dettaglio su info@trovabando.it, cercheremo di aiutarti!
      A presto,
      Il team di Trovabando

      2 agosto 2018 a 11:32
  • Luigi rispondere

    Salve,
    è possibile avere una brochire del fondo rotativo in questione?
    vorrei proporlo a dei clienti.
    Se è possibile.
    Grazie

    27 luglio 2018 a 17:54
    • Trovabando rispondere

      Salve Luigi,
      noi offriamo servizi di consulenza per presentare la domanda di agevolazione. Qualora abbia bisogno di un aiuto in questo senso, non esiti a contattarci via email all’indirizzo info@trovabando.it
      A presto,
      Il team di Trovabando

      31 luglio 2018 a 17:53
  • Dr Marco Falluomini rispondere

    Semplicemente, COMPLIMENTARMI con la Dr.ssa Azzolini, per la ‘MAGNIFICIENZA’ di come ha scritto questo articolo… si, vabbè, si può dire che + o – ‘tutti’ potevano scriverlo…OK, la passo, ma quello che DAVVERO rappresenta un ‘plus’ verso gli altri letti, è il ‘COINVOLGIMENTO’ che l’impresa ha, quando legge l’articolo… sembra costantemente che dica: ‘sbrigati, dai, muoviti, per questo strumento di aiuto per la tua imp.sa!!’

    9 maggio 2018 a 18:26
    • Trovabando rispondere

      Ciao Marco,
      grazie mille per i complimenti!
      Li gireremo immediatamente alla nostra carissima Marina.
      Buona giornata

      10 maggio 2018 a 13:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *