Nuova Sabatini 2018 – Tutte le novità in arrivo per l’acquisto di beni strumentali

Nuova Sabatini 2018 tutte le novità di questa agevolazione

Nuova Sabatini 2018 – Tutte le novità in arrivo per l’acquisto di beni strumentali

Istituita nel 2013 con il decreto legge n. 69, la Nuova Sabatini -Beni strumentali, fa parte del c.d pacchetto di contributi previsti dal piano Industria 4.0, insieme ad altre, ben note agevolazioni:

  • Iper Ammortamento
  • Super Ammortamento
  • Fondo di Garanzia
  • Credito d’imposta R&S
  • Patent box
  • Incentivi agli investimenti in Start Up e PMI innovative
  • Incentivi alla patrimonializzazione delle imprese (ACE)

Una serie di incentivi differenti uniti da un obiettivo comune, far ripartire l’Italia spingendo le aziende a cogliere tutte le possibilità offerte dalla c.d quarta rivoluzione industriale.

Quali sono le risorse a disposizioni per il 2018 per la Nuova Sabatini?

Per  il solo 2018 lo stanziamento del Mise dedicato alla Nuova Sabatini è di 33 milioni di euro. Inoltre, data l’attenzione rivolta agli investimenti “innovativi”, il Governo ha deciso di inoltre di incrementare, dal 20% al 30%, la riserva per i contributi sugli investimenti in ottica industria 4.0.

Chi può richiedere la Nuova Sabatini?

Possono richiedere la Nuova Sabatini le imprese operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca. Sono, invece escluse, le aziende che operano nell’ambio delle:

  • attività finanziarie e assicurative (sezione K della classificazione delle attività economiche ATECO 2007)
  • attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione

I liberi professionisti possono richiedere la Nuova Sabatini  Beni Strumentali?

I liberi professionisti, gli studi professionali e le Associazioni tra professionisti, purtroppo, non possono richiedere la Nuova Sabatini, a meno che non siano costituiti come impresa di piccola e media dimensione che alla data di presentazione della domanda risulti iscritta nel Registro delle imprese.

Vediamo nel dettaglio che cos’è la Nuova Sabatini

L’obiettivo della Nuova Sabatini, è quello di favorire e agevolare le imprese che intendono investire (sotto forma di acquisto o leasing) in macchinari, attrezzature, impianti, beni ad uso produttivo, hardware, software e tecnologie digitali.

La Nuova Sabatini prevede, innanzitutto che tu faccia una richiesta di finanziamento o di  leasing  ad una banca o a una società di leasing convenzionata per l’acquisto di beni strumentali alla attività della tua azienda. Qui trovi l’elenco delle banche che hanno stipulato la convenzione.

Il finanziamento o il leasing dovrà avere una durata di 5 anni ed un importo compreso tra i 20.000 e i 2 milioni di euro.

Su questo finanziamento o leasing,  facendone opportuna richiesta e compilando la documentazione obbligatoria, potrai beneficiare del contributo in conto interessi offerto dalla Nuova Sabatini.  

Questo significa che su un finanziamento acceso per acquistare nuovi macchinari, buona parte degli interessi che pagherai (ma potenzialmente anche tutti) ti saranno rimborsati dallo Stato.

Ti faccio un’esempio pratico per capire meglio tutti i vantaggi di questa agevolazione. Immagina di essere il titolare di una impresa e di dover acquistare dei nuovi macchinari per circa 300.000 con l’obiettivo di ampliare la tua produzione… bene, qualora tu decida di acquistare il macchinario sfruttando questa agevolazione potrai recuperare ben €23.000 di interessi.

Ricordati che su questa tipologia di agevolazioni è possibile richiedere, inoltre,  l’intervento del Medio Credito Centrale che garantisce questa tipologia di finanziamenti fino ad un massimo dell’80%. Se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere il nostro approfondimento sul Fondo di Garanzia per le PMI che trovi qui

Infine, se gli investimenti in beni strumentali saranno realizzati nel Mezzogiorno ed avranno un importo superiore ai €500.000 potrai beneficiare anche del Credito di Imposta per il Mezzogiorno. Uno sgravio fiscale che per le piccole imprese arriva fino al 45%.

Dunque… un solo investimento e tre agevolazioni combinabili per ottenere il massimo vantaggio possibile. Interessante, non trovi?

E se ho già stipulato un contratto di leasing o di finanziamento….?

Purtroppo non potrai recuperare alcunché, la stipula di un contratto di finanziamento sia bancario che in leasing deve avvenire successivamente alla presentazione della domanda, dunque se hai già acceso un finanziamento per acquisto di nuovi macchinari non c’è più niente da fare per recuperare gli interessi.

Dunque… prima di investire verifica sempre le agevolazioni disponibili e cui la tua impresa può accedere, per non correre il rischio di perdere alcuna opportunità!

 

Vorresti partecipare ma non sai da quale parte cominciare? Contattaci saremo lieti di aiutarti!

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commentocondividilo sui social!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *