Seleziona una pagina

Carta Nazionale dei Servizi – che cos’è e come richiederla

Carta Nazionale dei Servizi: scopriamo insieme che cos’è e perchè è importante richiederla per partecipare alle agevolazioni pubbliche 

5 Gen, 2018

La Carta Nazionale dei Servizi, spesso indicata con l’acronimo CNS, è uno dei vari strumenti messi a disposizione delle imprese per permettere una identificazione assolutamente certa dell’impresa da parte della Pubblica Amministrazione.

La CNS può quindi essere vista come una sorta di carta d’identità elettronica dell’impresa. Consente a quest’ultima, tra le altre cose, di accedere ad una serie di servizi on-line offerti dalla pubblica amministrazione.

Cos’è la Carta Nazionale dei Servizi?

La Carta Nazionale dei Servizi è un dispositivo informatico che può avere l’aspetto di una chiavetta USB o di una smart card, e contiene al suo interno un “certificato digitale” che permette l’identificazione certa di qualsiasi azienda in rete.

La Carta Nazionale dei Servizi è, quindi, uno strumento digitale estremamente utile per tutte le aziende che vogliono dialogare con le Pubbliche Amministrazioni in via telematica.

Cos'è la Carta Nazionale dei Servizi

Cos’è la Carta Nazionale dei Servizi e e perchè dovresti richiederla se vuoi partecipare ad agevolazioni pubbliche

Chi può richiedere la Carta Nazionale dei Servizi?

Se pensi che solo le imprese possano richiedere la CNS, ti sbagli di grosso!

La CNS può essere richiesta anche da cittadini privati, per consultare i propri dati personali resi disponibili dalle pubbliche amministrazioni direttamente su un sito web.

A cosa serve la Carta Nazionale dei Servizi?

La CNS consente non solo di firmare digitalmente documenti informatici come bilanci, fatture o contratti, con lo stesso valore legale di una firma autografa apposta su carta, ma anche di accedere in rete ai servizi della Pubblica Amministrazione come bandi ed agevolazioni pubbliche.

Prima di presentare qualche esempio utile, ti proponiamo un video pubblicato dalla Camera di Commercio di Varese, che illustra che cos’è la Carta Nazionale dei Servizi, o CNS. 

Fonte video: Camera di Commercio di Varese

Come usare la Carta Nazionale dei Servizi: qualche esempio utile

Visitando, ad esempio, il sito https://impresa.italia.it e facendo login con CNS (o SPID) ogni impresa può accedere al “cassetto digitale”, il nuovo strumento per avere sempre a disposizione le informazioni ed i documenti ufficiali della propria impresa.

Grazie al cassetto digitale, le imprese italiane possono accedere in maniera del tutto gratuita a:

  • Visura ordinaria, visura storica, visura artigiana e scheda società;
  • Modello di dichiarazione sostitutiva del certificato Registro Imprese;
  • Statuti, atti e bilanci depositati;
  • Situazione dei pagamenti del diritto annuale;
  • Stato pratiche Registro Imprese (trasparenza amministrativa).

Ma l’utilità della CNS non si esaurisce qui. Il possesso della CNS è spesso un requisito fondamentale per poter avere accesso alle procedure per la trasmissione delle domande di accesso alle agevolazioni pubbliche.

È il caso, ad esempio, del voucher per la digitalizzazione delle PMI  che abbiamo visto sul blog di Trovabando in maniera molto approfondita. Il cittadino invece, può collegarsi al sito dell’Agenzia delle Entrate, registrarsi senza digitare tutti i propri dati e accedere così al sito e verificare lo stato della propria posizione fiscale.

Come richiedere la carta Carta Nazionale dei Servizi e quali documenti sono necessari

Le Camere di Commercio, in quanto Pubbliche Amministrazioni, rilasciano la CNS insieme al servizio di firma digitale degli atti e dei documenti.

Per poter avviare le pratiche di emissione e consegna della Carta Nazionale dei Servizi con funzioni di Firma Digitale bisognerà presentarsi di persona presso la propria Camera di Commercio, con un documento di riconoscimento valido e un indirizzo e-mail.

Alcune Camere di Commercio rendono disponibile la possibilità di prenotare la propria CNS direttamente tramite web.

Per agevolare gli utenti interessati, e per rendere la procedura di richiesta della Carta Nazionale dei Servizi più veloce, è stata attivata una collaborazione con soggetti esterni accreditati.

Tutto chiaro? Speriamo di si!

Se ti è piaciuto questo articolo, o pensi che possa essere utile per qualche tuo amico, lascia un commentocondividilo sui social!

 

Voucher per la digitalizzazione – cosa fare dopo l’ammissione [Miniguida – aggiornata]

Voucher per la digitalizzazione – cosa fare dopo l’ammissione [Miniguida – aggiornata]

Buone notizie: il Ministero dello Sviluppo Economico concede fino al 31 gennaio 2019 per concluedere il progetto. Hai vinto il voucher per la digitalizzazione del Ministero dello Sviluppo economico ma non sai cosa fare per utilizzare questa agevolazione senza commettere errori? Allora non perdere la nostra miniguida: scoprirai le 10 cose da fare e da non fare assolutamente se vuoi ricevere effettivamente il contributo che ti spetta!

leggi tutto
Come aprire un Centro Estetico con Resto al Sud Invitalia

Come aprire un Centro Estetico con Resto al Sud Invitalia

Scopri Resto al Sud, la nuova agevolazione di Invitalia che ti consente di aprire il tuo centro estetico o salone di parrucchiere in una delle Regioni del Sud. Se sei una giovane tra i 18 ed i 35 anni e vuoi avviare il tuo nuovo salone questa è l’occasione giusta per te! Fino a € 200.000 per partire con il tuo progetto di impresa nel settore della bellezza!

leggi tutto

Risparmia tempo e fatica

da Team Trovabando | 26 Ott, 2018
>