Bando Marchi +3 – il nuovo bando per la registrazione di marchi

Bando Marchi +3

Bando Marchi +3 – il nuovo bando per la registrazione di marchi

Marchi +3 il contributo a fondo perduto per le aziende che hanno registrato un marchio o intendono farlo proprio in questi giorni

Bando sospeso per esaurimento delle risorse disponibili dal 3 maggio 2018

Se hai registrato un marchio per la tua impresa sai quanto il processo di registrazione sia costoso ed impegnativo, soprattutto se fatto a livello internazionale, e non solo europeo. Ti sarai sicuramente trovato a dover sostenere le spese per il design grafico del marchio, le spese legali per le ricerche di anteriorità, quelle per il deposito e, non da ultime, le tasse di deposito vere e proprie.

Ma abbiamo una buona notizia: se hai sostenuto queste spese a partire dal 1° Giugno 2016, è in partenza un bando specifico con il quale potrai chiedere il rimborso delle spese sostenute.

Di quale bando parlo? Di Marchi +3, ovviamente!

Dopo il successo di Marchi +2, il Ministero dello Sviluppo Economico, lUfficio Italiano Brevetti e Marchi e Unioncamere rilanciano anche quest’anno Marchi +3. Le risorse disponibili per questa edizione del bando ammontano a quasi 4 milioni di euro a fondo perduto, con modalità di accesso a sportello.

Dunque… prima si presenta la domanda, meglio è!

Chi può richiedere questo contributo?

Vediamo subito, nel dettaglio, quali sono i beneficiari del contributo a fondo perduto previsto da Marchi +3:

– tutte le PMI, ovvero le piccole e medie imprese, con sede in Italia, che rispettino i seguenti requisiti:

  • Iscritte nel Registro delle Imprese
  • Titolari del marchio o dei marchi per cui si richiede l’agevolazione
  • Che abbiano ottenuto la pubblicazione della domanda di registrazione del proprio marchio sul Bollettino dell’EUIPO e/o sul registro internazionale dell’OMPI
  • Che abbiano pagato le tasse di deposito.

Quanto è possibile richiedere per la registrazione del marchio?

Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A che per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 20.000.

Quali sono le spese agevolabili con il bando Marchi +3?

Il bando prevede due diverse misure, che coprono spese diverse. La misura A dedicata ai marchi dell’Unione Europea e la misura B dedicata ai marchi internazionali.

Misura A

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le spese agevolabili dalla Linea A del bando Marchi +3, per la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO:

  • Progettazione del marchio;
  • Assistenza per il deposito effettuata da un consulente in proprietà industriale, da un avvocato, o da un centro PATLIB;
  • Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare;
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione effettuata;
  • Tasse di deposito presso EUIPO.

Le spese devono fare riferimento a fatture emesse e a pagamenti effettuati a partire dal 1° giugno 2016, e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione. Quindi, si tratta di un bando che prevede un rimborso delle spese già sostenute per la registrazione del tuo marchio.

Misura B

La Misura B prevede agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI, ovvero l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale.

L’impresa può richiedere un’agevolazione per le spese sostenute per:

  • Progettazione del marchio nazionale/EUIPO utilizzato come base per la domanda internazionale;
  • Assistenza per il deposito effettuata da un consulente in proprietà industriale o da un avvocato o da un centro PATLIB;
  • Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare;
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione effettuata da un consulente in proprietà industriale o da un avvocato;
  • Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO, e presso OMPI, per la registrazione internazionale.

Le spese devono fare riferimento a fatture emesse e a pagamenti effettuati a partire dal 1° giugno 2016, e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

Per uno stesso marchio è possibile cumulare le agevolazioni previste per le misure A e B.

Quando è possibile presentare la domanda per accedere a Marchi +3? 

Le domande di agevolazione possono essere presentate a partire dalle ore 09:00 del 7 marzo 2018 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Si tratta di un’agevolazione a sportello, quindi, affrettati a preparare la tua pratica!

 

Hai bisogno di un supporto per richiedere Marchi +3?
Scrivici subito a info@trovabando.it saremo lieti di aiutarti!

Concentrati solo sul tuo business, a trovare il bando giusto per te ci pensiamo noi!

Hai trovato il nostro post su Marchi +3 interessante? Lasciaci un commento e ricordati di condividere questa pagina con i tuoi amici!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *